NOVILUNIO IN VERGINE: PRENDITI CURA DI TE, NELLA MATERIA E NELLO SPIRITO, di Roberta Turci

Martedì 7 settembre alle 2:52, Sole e Luna si congiungono a circa 14° del segno della Vergine, formando un trigono con Urano e opponendosi a Nettuno.

Anche Marte si trova in Vergine e oppone Nettuno, che rappresenta il sistema immunitario: possiamo interpretare questo aspetto di opposizione come un invito a prenderci cura del “terreno”, ovvero dell’equilibrio del microbiota intestinale, in cui ha sede il sistema immunitario, oltre che di pensieri ed emozioni, che inquinano corpo e anima quanto gli xenobiotici.

Mercurio è invece in Bilancia, e si appresta a entrare nella zona d’ombra della retrogradazione. Si muoverà infatti apparentemente “all’indietro” dal 27/9 al 18/10 tra i 25° e i 10° della Bilancia. E poiché il 7 settembre toccherà i 10° del segno e il 2 novembre i 25°, si dice cha la zona d’ombra della retrogradazione dura dal 7 settembre al 2 novembre. In tutto questo periodo, saremo chiamati a rivedere le nostre relazioni, di ogni tipo, e soprattutto a trovare nuovi modi di comunicare con noi stessi e con gli altri, aprendoci a ciò che è insolito, innovativo, e cercando al tempo stesso di portare armonia e bellezza nei rapporti…e ce n’è davvero un gran bisogno!

Il Novilunio in Vergine ci chiede di trovare un equilibrio tra materia e Spirito. Questo è il momento di fare un cambiamento concreto nella quotidianità, in accordo con il sentire dell’Anima, senza cadere nella trappola di dare troppo potere alla materia né all’Energia. Dobbiamo prenderci cura di noi stessi, nel corpo e nell’Anima.

Dalla mattina del 7 settembre, inaugura un nuovo rituale, prendi un’abitudine inaspettata, progetta il tuo prossimo futuro, metti un’azione concreta per dare corpo a un sogno.

Fai una colazione sana, una passeggiata in mezzo al verde, organizza l’agenda, pulisci e riordina la casa e i pensieri.

Ascolta il video qui:

Il periodo, dal 7 settembre al 2 novembre, è perfetto per rivalutare, riesaminare, riconsiderare situazioni e relazioni: tutto quello che iniziamo ora può portare ad accordi e decisioni che si riveleranno utili e proficui.

Prepariamoci a un grande cambiamento! Con le Eclissi di fine anno e il passaggio del Nodo Nord in Toro, sarà sempre più importante lasciare andare vecchie abitudini e convinzioni, per costruire insieme un nuovo mondo che assomigli sempre più a quello che tutti noi sogniamo!

Un abbraccio,

Roberta

UN PERCORSO PER CONOSCERE I MITI CHE VIVONO IN NOI. DAL 7 SETTEMBRE SU ZOOM!, di Roberta Turci

Ti invito martedì 7 settembre alle 20:30 su ZOOM, al seminario introduttivo (gratuito) del percorso dedicato agli dei e alle dee che vivono dentro ciascuno di noi. Se desideri partecipare, scrivimi a roberta.turci@gmail indicando l’indirizzo mail a cui mandarti l’invito!

Qualche anno fa, al termine del percorso triennale di Counseling, mi è stato proposto di svolgere il tirocinio in una struttura attiva da anni a sostegno delle donne in difficoltà. Mi sono così concentrata sul mondo femminile, costruendo un percorso di Counseling in gruppo per aiutare le donne, tutte le donne, a conoscere meglio sé stesse, attraverso l’incontro con le dee.

Il Counseling filosofico in gruppo prevede un processo dialogico che privilegia l’ascolto e la condivisione di esperienze attraverso la narrazione e il confronto di opinioni. Gli archetipi, associati alle 7 dee della mitologia greca secondo la classificazione della psichiatra junghiana Jean S. Bolen, hanno fornito lo spunto per il percorso di auto-consapevolezza.

Gli archetipi, in quanto “modelli originali” presenti nell’immaginario collettivo, “sembrano vagamente familiari anche quando li sentiamo raccontare per la prima volta”, come scrive la Bolen.

Negli anni successivi, ho riproposto più volte il percorso coinvolgendo anche gli archetipi maschili, associati agli 8 dèi ai quali la Bolen ha dedicato il suo secondo libro “Gli dei dentro l’uomo”. D’altronde, se è vero che le donne devono ritrovare il contatto con la Grande Madre, soffocata dal sistema patricentrico, vivere in una società patriarcale non è semplice neppure per l’uomo.

Negli anni ’70, il movimento femminista ha gridato a gran voce la necessità della donna di riappropriarsi dei propri archetipi interiori per smarcarsi dagli stereotipi ai quali le veniva richiesto di adeguarsi. Non vi è alcun dubbio sul fatto che per la donna è stato ed è ancora difficile affermare sé stessa.

Tuttavia, anche agli uomini è richiesto di uniformarsi a degli stereotipi che li limitano nell’espressione di sé.

Ognuno di noi ha predisposizioni innate. Se ci viene permesso di esprimerle e se, quando le esprimiamo, sentiamo di essere accettati e incoraggiati, impariamo ad essere autentici, e la nostra autostima viene naturalmente alimentata.
Se invece, la famiglia prima e la società poi, non dimostrano di accettarci per quello che siamo spontaneamente, impariamo a mostrare un’immagine che non ci corrisponde, pur di essere approvati. Ma se non siamo liberi di esprimere noi stessi, le nostre potenzialità e attitudini, la vita perde di significato.
Uomini e donne sono infelici, quindi la società degli stereotipi è un problema per tutti, e non è una questione di genere.
Tutti viviamo tra due fuochi: il mondo interno degli archetipi e il mondo esterno degli stereotipi.

Gli archetipi sono modelli contenuti nell’inconscio collettivo, che governano emozioni e comportamenti; sono predisposizioni potenti. Se riconosciuti e onorati, ci aiutano a essere noi stessi e a dare significato alla nostra vita. Se negati, esercitano comunque un potere, perché condizionano a livello inconscio, diventando distruttivi e pericolosi.

Gli archetipi costituiscono la radice dei miti: il linguaggio mitologico offre una chiave di lettura essenziale per comprendere le dinamiche e le sofferenze tipiche dell’anima umana. Inoltre, il linguaggio metaforico degli archetipi è facilmente accessibile a tutti. Come scriveva Aristotele, le metafore mettono la cosa sotto gli occhi: “la metafora non è solo un trasferimento, ma è un trasferimento che è una evidenza immediata – ma evidentemente non consueta, inattesa – grazie alla quale si vedono le cose mentre agiscono”.

Con la metafora, si arriva all’uditore usando un’immagine, più efficace di qualunque enunciato. L’immagine appartiene all’anima, l’enunciato alla mente. La nostra cultura, figlia del razionalismo e della rivoluzione scientifica, da Cartesio e Newton in poi, ha sottratto all’anima il suo potere trasformativo, ovvero alchemico. Tuttavia, è nell’anima che ha sede la nostra essenza: nel nostro daimon (v. Plotino), o nella ghianda (v. James Hillman), è scritto chi siamo destinati a diventare. La consapevolezza di sé passa necessariamente dalla capacità di accedere alle immagini innate custodite nell’anima.

Qualunque cosa facciamo nella vita, per quanto possiamo impegnarci, se non corrisponde a una spinta archetipica, ci richiede un’energia eccessiva e non ci darà mai un vero e profondo senso di soddisfazione. Anche se dovessimo raggiungere un traguardo ambito e riconosciuto dal mondo esterno, non saremo mai appagati. Fare ciò che si ama fare ed è in armonia con le forze archetipiche in sé, fa invece sentire bene, indipendentemente dal riconoscimento che si ottiene, che spesso comunque arriva più facilmente, proprio perché è frutto di un’espressione autentica del Sé.

Ciascuno è un Pantheon, ovvero un tempio, ed è opportuno onorare tutte le divinità in noi, perché ciò che non viene riconosciuto o viene censurato, trova il modo di manifestarsi, esercitando su di noi una forma di potere.

In questo periodo storico, alle soglie della Nuova Era, il paradigma delle relazioni sta cambiando (argomento trattato nel video L’alchimia delle relazioni, che trovi sul mio canale YouTube. Se vuoi iscriverti, clicca QUI!). Un nuovo maschile e un nuovo femminile stanno nascendo!

Attraverso il percorso con gli archetipi, possiamo riconoscere le dee e gli dei dentro di noi per sviluppare quello che Carl Rogers, padre del Counseling, chiamava potere personale, ovvero la nostra innata capacità di auto-realizzazione. Per uomini e donne, riconoscere e integrare il maschile e il femminile dentro di sé, è indispensabile per realizzare pienamente il proprio potenziale e vivere relazioni sane e appaganti.

Il percorso consiste in 15 incontri, ciascuno dedicato a una divinità.

15 seminari per ri-conoscere e contattare gli archetipi che vivono in noi, spesso a nostra insaputa.

Il mio compito, in qualità di Counselor, è quello di presentare gli archetipi, il loro significato e la loro funzione, e facilitare le interazioni all’interno del gruppo, sollecitando la partecipazione di tutti, chiarendo i concetti, riformulando i contributi, offrendo nuovi punti di vista, e facendo domande per stimolare la discussione.

La condivisione è incoraggiata, ma ovviamente non è obbligatoria. Ognuno deve sentirsi libero di raccontarsi o semplicemente di ascoltare.

Questi seminari possono anche considerarsi propedeutici al percorso che partirà a fine ottobre, dedicato alla Astrologia per la Nuova Era. Non a caso, i corpi celesti hanno i nomi delle divinità: essi sono archetipi che agiscono in noi, e che si manifestano come eventi esterni quando non sono stati integrati. Pertanto, conoscere i miti significa anche imparare a interpretare i simboli astrologici.

Ti aspetto con gioia e gratitudine il 7 settembre alle 20:30 su ZOOM! Il primo seminario è aperto a tutti.

Per tutte le informazioni relative a modalità di partecipazione e costi, scrivimi!

Ti abbraccio,

Roberta

Bibliografia
Aristotele, Poetica, Oscar Mondadori, Milano, 1998
Aristotele, Retorica, Oscar Mondadori, Milano, 2006
Bolen J.S., Le dee dentro la donna, Astrolabio-Ubaldini, Roma, 1991
Bolen J.S., Gli dei dentro l’uomo, Astrolabio-Ubaldini, Roma, 1994
Bolen J.S., Artemide, Astrolabio-Ubaldini, Roma, 2015
Cerinotti A., Atlante dei Miti dell’antica Grecia e di Roma Antica, Demetra, Verona, 2000
Hillman J., Il codice dell’anima, Adelphi, Milano, 2009
Hillman J., Figure del mito, Adelphi, Milano, 2014
Panigatti R., La fame d’amore, TEA Libri, Milano, 2015
Platone, Repubblica, Laterza, Bari, 2007
Plotino, Enneadi, Mondadori, Milano, 2002
Pontremoli P., Il tempo che cura, Ed. FormAcademy, Pavia, 2011
Rogers C., Potere personale, Astrolabio-Ubaldini, Roma, 1978
Rogers C., Un modo di essere, Giunti, Milano-Firenze, 2012

ECLISSI di SOLE in GEMELLI: riscrivi la tua storia!

Il nuovo ciclo lunare si apre con una potente Eclissi Solare Anulare, che segue l’Eclissi Lunare del 26 maggio (le ho dedicato un video che trovi qui). Le Eclissi sono chiamate al risveglio, occasioni per connetterci con l’intento evolutivo della nostra Anima. Te ne parlo nel video. E se ti fa piacere, iscriviti al mio canale YouTube: http://bit.ly/robertaturci Puoi anche contattarmi per una consulenza personalizzata: roberta.turci@gmail.com L’interpretazione in chiave karmica ed evolutiva del tuo tema natale ti permette di comprendere meglio la destinazione scelta dalla tua anima, le lezioni che hai già imparato e quelle cha ancora devi apprendere. E con gli strumenti del counseling immaginale, posso aiutarti a fare anima… Un immenso abbraccio, Roberta

11 maggio 2021, Lilith e il Novilunio in Toro: “non so più niente “, di Roberta Turci

Quest’anno più che mai, ogni lunazione è di una potenza indescrivibile. Ma il Novilunio dell’11 maggio può rivelarsi persino più potente. In serata, alle 21 circa, Luna e Sole si congiungono a 21°17′ del segno del Toro, e lì poco distante, a 22° del segno, c’è Lilith, il femminile ribelle, colei che ha scelto di autoesiliarsi per essere libera di manifestare il proprio destino! Lilith parla di una giustizia naturale, che si contrappone alla giustizia sociale. E richiede il coraggio di andare oltre la paura della mancanza. Le ho dedicato un articolo e un video. Li trovi qui e qui

Urano non è tecnicamente congiunto alla Luna, ma vibra da mesi nel segno del Toro e colora questa lunazione di un tono completamente diverso da quello che ci aspetteremmo da questo segno così conservatore, e attaccato alle sicurezze materiali.

Questa Luna attiva ancora una volta la quadratura tra Saturno e Urano, il contrasto tra le limitazioni imposte dal sistema e il desiderio di libertà. Siamo sospesi tra il vecchio e il nuovo, senza riferimenti, isolati, spaventati, separati nelle idee e nelle emozioni.

Giove, dal canto suo, si trova nell’ultimo grado dell’Aquario, cioè in un grado critico, che enfatizza il lato ombra, ovvero la ribellione a ogni costo. Il prossimo 13 maggio, entrerà temporaneamente nel segno dei Pesci, dove inizierà la retrogradazione il 20 giugno per rientrare in Aquario il 29 luglio. Giove è il reggente del Nodo Sud, che dal Sagittario ci spinge a prendere le distanze da quelle che abbiamo finora identificato come verità assolute. 

Eris, dea della discordia (ne ho parlato in questo video, dedicato alla Luna Nuova in Ariete: https://youtu.be/RDllj8fEZ14), continua l’aspetto di quadratura a Plutone, che prosegue fino a ottobre 2021. Eris è molto simile a Lilith, è ribelle, non si lascia intimidire dalle regole, e non teme il giudizio, né tanto meno il conflitto, che anzi ricerca, se necessario.

Reggente di questa lunazione è Venere, appena entrata nel segno dei Gemelli, dove si trova anche Mercurio, congiunto al Nodo Nord. Insieme, aprono un varco, mostrano nuove possibilità, ci invitano a guardare le cose da un altro punto di vista, ad abbandonare certezze, dogmi, fanatismi, convinzioni troppo rigide. 

Il Toro ha a che fare con i talenti, i valori, le risorse, ma anche con i nostri sensi, attraverso i quali percepiamo la realtà. 

Il mondo sta cambiando, e non sarà un processo rapido, né tanto meno semplice. 

Il sistema di pensiero e i valori di riferimento devono essere riscritti e ridefiniti, ma perché questo accada dobbiamo essere disposti a lasciare andare tutti gli attaccamenti, a vincere la paura, a rivedere le nostre certezze.

Tuttavia, c’è una trappola in agguato, e ha a che fare con la dualità e con il giudizio. 

Ognuno crede di aver capito tutto, di avere ragione, di conoscere la verità. E vuole convincere gli altri, vuole convertirli. Che si creda a questo o a quello, che si stia da una parte o dall’altra, si rischia di muoversi nella direzione opposta rispetto alla destinazione che si è convinti di voler raggiungere. 

Qualche giorno fa, scrivevo sul mio diario di facebook:

Non so più dove stare.
Non sto dalla parte di chi crede a tutto.
Né dalla parte di chi contesta ogni cosa.
Non sto con chi ubbidisce.
Né con chi invoca gli alieni.
Non sto con il gregge.
Né con i lupi.
Non so più chi ascoltare.
Non mi convince nessuno.
Non lo scienziato, né lo sciamano.
Ognuno vuole vincere.
Nessuno ha ragione.
Mi stanca questo gioco di opporsi a tutto.
Mi annoia il qualunquismo, la cecità, la banalità.
Mi nausea anche la magia, abusata, sporcata, svuotata.
Non so più dove stare, se non dentro, in silenzio.
Vi guardo arrancare, trovare un modo, aspettare.
Affogati nella nostalgia, nel rimpianto.
O aggrappati ai miracoli di un creatore ammaestrato.
Tutti distratti da qualche speranza.
La chiamate con nomi diversi, sembrano nemici e distanti.
Ma non cambia la sostanza, dell’affidarsi a un dio qualsiasi, del far polvere senza muoversi di un passo.
Non so dove stare, se non in equilibrio sul nulla, ad ascoltare il vuoto che a modo suo mi parla.
In fondo siamo in tanti, osservatori invisibili, appannati, delusi.
A volte penso che ce lo meritiamo, questo mondo accartocciato e rassegnato, che è disposto a tutto pur di non cambiarsi.
A volte penso che va bene così, che se fosse perfetto, finirebbe adesso.
Ma non sto con nessuno.
Non con i rassegnati, non con i ribelli.
Si somigliano troppo, anche se pensano di no.
Sto con me, finché mi trovo.
A tratti inabissata, a tratti in volo.
Un po’ nel fango, un po’ tra le stelle.
Come tanti”
 

Mi succede spesso, mi arrivano parole, e le scrivo di getto. Poi mi accorgo che non sono mie, ma appartengono a tanti. Queste rappresentano benissimo il messaggio della Luna Nuova in Toro di quest’anno, che avverte: non sai niente, è tutto da riscrivere, lascia andare (persone, situazioni, pregiudizi), resta in ascolto. Ma attenzione: anche la cosiddetta spiritualità può essere una trappola, un’illusione, una via di fuga da se stessi. 

Ci vuole discernimento, e il discernimento appartiene alla coscienza, ha a che fare con l’intuizione, non con il ragionamento.

E invece, in questo clima di disagio collettivo, tutti giudicano tutti. 

Sai qual è la differenza tra discernimento e giudizio? 

Nel giudizio c’è l’emozione: la rabbia, la paura, il disprezzo. Nel giudizio c’è il tuo bisogno di essere riconosciuto, accettata, amata. 

Nel discernimento c’è l’accettazione, l’accoglienza compassionevole di ciò che è diverso, di chi fa scelte differenti dalle tue, di chi percepisce la realtà in modo diverso da te. 

Ognuno percepisce la realtà in base al proprio livello di coscienza. E il livello di coscienza di un individuo dipende dalla relazione che ha con i fantasmi emotivi del suo passato.

Siamo tutti dentro lo stesso trauma collettivo, ma questo trauma risveglia in ciascuno un trauma individuale. Il disagio che proviamo non è causato dagli eventi esterni: era già dentro di noi. E gli eventi esterni possono essere l’occasione per portarlo fuori dal nostro inconscio e superarlo. Ma perché questo accada, è necessario SENTIRE quello che si muove dentro, nel profondo.

Quanto sei disposto a compiere questo processo?

Sono le tue emozioni che parlano. Non si scappa da lì. Puoi cercare tutte le distrazioni che vuoi, puoi raccontarti tutte le bugie che vuoi, ma se non ti fermi al cospetto delle tue emozioni, non trasformi niente, né dentro né fuori di te!

Il Toro è anche il segno della Madre Terra: il contatto con la Natura può compensare la mancanza di contatti umani che stiamo sperimentando ormai da troppo tempo. Ascoltare i suoni e percepire i profumi in un bosco, sulla riva di un fiume, davanti al mare, in silenzio, da soli, ci aiuta a sentire noi stessi. 

Il disordine che c’è fuori è anche dentro di te. Comincia a mettere ordine dentro. Tutto il resto è un’illusione.

Potranno cambiare gli eventi esterni, ma non cambierà la tua percezione del disagio se non impari a rimanere in ascolto di te.

Questa Luna è oltremodo potente e significativa soprattutto perché apre la stagione delle eclissi. La prossima lunazione sarà infatti un Plenilunio con Eclissi Lunare in Sagittario (26 maggio), e quella successiva un’Eclissi Solare in Gemelli (13 giugno). Non solo: la Luna Nuova in Toro dà inizio a un processo che culminerà con il Plenilunio in Toro del 19 novembre, un’altra Eclissi molto potente, con la Luna congiunta al Nodo Nord.

Come sempre, ti invito a vedere dove cadono i 21°17′ del Toro nel tuo tema natale. Puoi aiutarti con il tutorial che trovi sul mio canale YouTube: https://youtu.be/9mwILqS5D20 e scoprire in quale casa avviene la lunazione, cioè in quale settore della tua vita mettere un’intenzione e concentrare la tua energia.

Cerca di focalizzarti su quello che desideri, e non su quello che ti manca. Su quello che stai guadagnando dalla situazione contingente, non su quello che stai perdendo. Le perdite ci costringono a trovare risorse nuove, a percorrere strade inesplorate, stimolano la creatività. Sono grandi opportunità, per chi ha voglia di crescere e cambiare. C’è sempre un’altra possibilità, se non ci si ferma nel ruolo della vittima.

Se hai compreso che veniamo sulla Terra per evolvere, allora non aspettare che tutto questo finisca. Se davvero vuoi svegliarti e risvegliare, vivi come se tutto questo non dovesse finire mai!  

Un grande abbraccio,

Roberta 

 

 

ERIS E LA LUNA NUOVA IN ARIETE, di Roberta Turci

Lunedì 12 aprile, alle 4:30 circa, si forma la Luna Nuova in Ariete, segno nel quale c’è uno stellium di corpi celesti.

Venere ed Eris sono congiunte ai luminari e ci consegnano un messaggio importante in questo clima di paura, ansia e incertezza: OSA! SCEGLI DI ESSERE quello che davvero VUOI essere, a costo di scatenare una GUERRA!

E muovi il primo passo nella direzione che desideri! Progetta, programma, imposta collaborazioni.

Lascia andare vecchie credenze e apriti al nuovo!

Guarda dove cadono i 22° dell’Ariete nel tuo TN.

Questa lunazione sarà particolarmente sentita da chi ha pianeti o angoli del cielo intorno ai 22° dei segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno).

Te ne parlo qui:

Il primo Novilunio dell’anno: il 2021 si presenta, di Roberta Turci

Abbiamo salutato il 2020 con la speranza di un anno migliore, come e più di ogni altro Capodanno. Ma dovremmo sapere che il cambiamento può arrivare solo da dentro, e che tutto quello che chiamiamo “realtà” è una proiezione. Ognuno percepisce l’esterno in base al proprio livello di coscienza, e anche ciò che sembrerebbe oggettivo, impatta in modo differente nella realtà individuale di ciascuno, a seconda di quanto l’individuo è in contatto con il proprio inconscio e con la propria anima.

L’astrologia, in quanto linguaggio simbolico con cui l’universo ci parla e ci guida, aiuta a guardare da vicino le dinamiche su cui lavorare e le tematiche che chiedono attenzione. Perciò, ancora una volta, userò una Lunazione come “pretesto” per fare alcune riflessioni sull’energia in movimento.

Ma voglio cominciare dall’inizio: in principio c’era Gea, la Madre Terra. Gea generò Urano, il Cielo stellato. Urano fu dunque il primo figlio, e poi il primo marito, con cui Gea generò numerosissimi figli che lui non gradiva e le faceva nascondere nel suo ventre. Urano fu soprattutto il primo dio, il primo archetipo maschile, un principio completamente nuovo, qualcosa che arriva all’improvviso e sovverte l’ordine delle cose. Urano rappresenta l’energia del cambiamento, rivolta verso il futuro, senza radici e senza riferimenti.

L’aspetto astrologico dominante del 2021 sarà la quadratura tra Saturno in Aquario e Urano in Toro. Nel mito, Saturno è il figlio che ha evirato il padre, e che a sua volta divora i figli per non rischiare di perdere il proprio potere. Si ripete dunque un modello famigliare, un mandato transgenerazionale, come avviene in tutti i clan.

C’è però una importante considerazione da fare: dall’evirazione di Urano nascono le Furie e Afrodite/Venere. Quindi da un lato (il sangue di Urano che cade sulla Terra) abbiamo la rabbia che deriva dalla castrazione di un potenziale di cambiamento. Dall’altro lato, abbiamo la nascita di Venere (dalle spume delle acque dove è caduto il liquido seminale), che rappresenta l’armonia, la bellezza, l’amore, unica vera via d’accesso al nuovo che avanza.

Saturno rappresenta il passato, le tradizioni, l’“abbiamo sempre fatto così“, e l’autorità che esercita il controllo, l’insieme di leggi e di regole.

Urano è il futuro, l’imprevedibile, quello che rompe gli schemi, e non ama le gerarchie.

Nel 2021, Urano è nel segno governato da Venere. Saturno è nel segno governato da Urano. E anche Giove, che è il discendente che ha interrotto la catena transgenerazionale. Nella battaglia tra il passato e il futuro, tra il vecchio e il nuovo, Urano vince sempre.

Questo non significa che sarà facile, né che tutti si sveglieranno, e che il mondo diventerà un paradiso. Molte persone rimarranno attaccate al vecchio paradigma, saranno rigidamente ancorate ad antiche convinzioni, e non faranno nulla per crescere e cambiare. Ma ognuno di noi ha il potere di scegliere a quali opinioni e pensieri dare energia. Ognuno può sempre scegliere quali emozioni nutrire e rafforzare.

Non mancheranno certamente aspetti ombra con i quali tutti dovremo convivere. Stiamo già assistendo a una ribellione nei confronti del controllo esercitato dai social network e e dalle “potenze” della tecnologia. Saturno in Aquario si esprime anche così. Spetta sempre a noi scegliere come usare gli strumenti che abbiamo a disposizione. Ma dobbiamo anche ricordare che la ribellione “di testa” (e l’Aquario è un segno molto mentale) non funziona se non è anche “di cuore”. Ecco perché è importante connettersi con il proprio cuore, utilizzando il più semplice degli strumenti, il respiro.

Saturno e Urano saranno quadrati per tutto l’anno, e l’aspetto sarà esatto il 17 febbraio (7°13′), il 15 giugno (13°6′) e il 24 (11°5′) dicembre. La lotta per il rispetto dei diritti umani e la contrapposizione tra controllo e libertà sono i temi caldi che domineranno la scena. Non solo: a partire dal 2021 e nei prossimi anni, molti settori della nostra vita saranno completamente rivoluzionati, per esempio l’agricoltura, l’economia, i viaggi e il turismo, il rapporto con il cibo e le abitudini alimentari,  le strutture sociali. Il punto è che nella natura dell’essere umano c’è la forte tendenza a rimanere in un luogo che conosce, ed è quindi logico aspettarsi forti reazioni nei confronti del cambiamento, con inquietudine e instabilità dilaganti.

Avremo molta tensione proprio perché ci sarà chi cavalcherà il nuovo con curiosità, coraggio e fede, e chi invece si dibatterà come un pesce fuor d’acqua per mantenere lo stato delle cose che conosce. Ognuno ha i suoi tempi, ed è bene che ciascuno di noi sia il più possibile centrato su di sé, con la consapevolezza che alcuni passaggi sono lenti e dolorosi, e che dobbiamo accettare i nostri umani limiti e le nostre paure. Stiamo tutti camminando nella stessa direzione, ma non con la stessa velocità. La centratura e la consapevolezza sono ora più che mai necessarie, perché sarà inevitabile lasciare andare il passato (un lavoro, una relazione, una casa, un luogo, e soprattutto una modalità di pensiero ormai obsoleta!), e sarà facile cedere alla tentazione di tornare indietro per sentirsi al sicuro. Dovremo invece resistere, e guardare con fiducia al nuovo che ci (a)spetta! Se non avremo noi stessi il coraggio di cambiare il modo di fare le cose, e di uscire dal sentiero conosciuto, sarà la vita a costringerci a farlo!

L’umanità sta vivendo un vero e proprio salto di coscienza, una trasformazione evolutiva epocale. Non ci siamo mai trovati in una situazione simile, in cui ci muoviamo verso un livello di interconnessione multidimensionale completamente sconosciuto, con la sensazione di non avere più riferimenti, e pur tuttavia sostenuti da una forza superiore che ci sta mostrando davvero infinite possibilità! Siamo sempre stati limitati da credenze e condizionamenti più o meni inconsci. Adesso possiamo liberarcene e liberarci!

Eris, la dea della discordia, si trova ancora in quadratura a Plutone e questo aspetto durerà fino all’autunno: quindi dobbiamo aspettarci un po’ di scompiglio sul piano materiale. D’altronde, saremo tutti destabilizzati dai cambiamenti radicali della nostra società. Come scrivevo nell’articolo dedicato alla Grande Congiunzione Saturno-Plutone del 12 gennaio 2020, Eris è

colei che lanciò il pomo della discordia sul tavolo del banchetto nuziale di Teti e Peleo, scatenando la guerra di Troia. Fu Paride a scegliere, e a consegnare la mela con scritto “alla più bella”, a Venere-Afrodite, aggiudicandosi l’amore di Elena. La scelta di Paride è la scelta che ognuno di noi deve fare: quale forza psichica attivo in me? quale desiderio mi chiama più forte? 

Eris è il corrispondente femminile di Urano, è la rottura degli schemi, il coraggio di andare verso ciò che è sconosciuto, l’attivazione dell’istinto a discapito del pragmatismo e dell’ambizione opportunista tipicamente saturnini.

Per fortuna possiamo attivare l’archetipo Chariklo, anche lei grande protagonista della Congiunzione del gennaio 2020. Si trova ora proprio tra Plutone in Capricorno (il vecchio che deve essere lasciato andare) e la congiunzione Giove-Saturno in Aquario (il nuovo che deve essere ricostruito).

Chariklo è l’asteroide più grande della Cintura dei Centauri, e nel mito è la moglie di Chirone, il guaritore ferito.

Chariklo è il femminile che sostiene e si prende cura, una testimone silenziosa e non giudicante, fuori dai ruoli predefiniti, l’alambicco che custodisce la trasformazione, l’ostetrica che favorisce la nascita di una nuova identità, presente, discreta, devota, compassionevole. Crea uno spazio sacro, e ci aiuta a sostenere questo processo, inevitabile, potente, per molti doloroso o faticoso, ne mitiga l’intensità. Ci aiuta a vedere il diamante che possiamo diventare, mentre la struttura del carbone si riassesta e muta. Ridefinisce i confini, abbatte le barriere, placa i conflitti.

Aspettiamoci un gennaio e un febbraio scoppiettanti, non facili, confusi e a tratti scioccanti. Per la fine di marzo, il clima si alleggerirà, e tra maggio e luglio molte situazioni si chiariranno, e un po’ di nebbia interiore si diraderà. Non scordiamoci che Nettuno è sempre quadrato ai Nodi Lunari (l’aspetto sarà esatto il 26 gennaio): questo può manifestarsi con disillusione e confusione, ma anche come una maggiore percezione degli aspetti spirituali dell’esistenza. Il suo intento è dissolvere le maschere e mostrarci la verità. 

Marte è appena entrato in Toro, il 6 gennaio scorso. Solitamente, Marte in Toro cerca stabilità, ma questa volta il pianeta rosso si mette al servizio di Urano, con cui farà un aspetto di congiunzione esatto il 20 gennaio, e quindi l’energia in gioco è molto forte e incontrollata. Il 9 gennaio, Mercurio è passato nel segno dell’Aquario, e Venere si è spostata in Capricorno: l’energia è cambiata. Inoltre Urano, il giorno dopo il Novilunio, riprende il moto diretto. Siamo pronti per un altro salto?

Mercoledì 13 gennaio alle 6 del mattino, arriva la prima lunazione dell’anno, un Novilunio in Capricorno, a 23° del segno. Come sempre, ti suggerisco di guardare in quale casa cade del tuo tema natale. Aiutati con questo tutorial, che trovi sul mio Canale YouTube. E se ti fa piacere, iscriviti al mio canale, cliccando qui: ISCRIVITI

Sole e Luna sono congiunti a Plutone e quadrati a Haumea: c’è un forte senso di rigenerazione e trasformazione. Ben tre pianeti in Aquario (Mercurio, Giove, Saturno) ci accompagnano verso il futuro, e ci chiedono di immaginarlo proprio come lo vorremmo. Ma questo Novilunio è anche molto vicino ai gradi della Grande Congiunzione del gennaio 2020. Ci ritroveremo dunque di nuovo nella stessa situazione di un anno fa? Non proprio, naturalmente, perché i simboli devono essere calati nel contesto attuale, e il quadro sullo sfondo è cambiato. Di certo c’è che non possiamo fare finta che non sia successo nulla, e che la manifestazione di questa energia dipenderà tantissimo da quanto siamo stati disposti a imparare dall’esperienza vissuta. 

A chi dai potere? A quello che è fuori di te, o a quello che è dentro di te? A chi dai ascolto?

Hai sentito le emozioni che la situazione ha risvegliato in te? Le hai ascoltate, trasformate? O ti hanno travolto, imbruttito, confuso?

Da qui a marzo, a causa del moto retrogrado, Mercurio incontrerà Giove ben tre volte: l’11 gennaio, il 14 febbraio e il 5 marzo. Questo periodo rappresenta un processo che offre opportunità per ampliare la propria conoscenza, aprendosi a un nuovo sistema di pensiero, e soprattutto coltivare la saggezza, che deriva dalla connessione di mente e anima.

Tutti sperano in un cambiamento, ma la realtà può cambiare solo se noi scegliamo di fare le cose diversamente da come le abbiamo fatte finora!

La realtà è sempre la proiezione della frequenza alla quale vibriamo. E l’inconscio influenza tantissimo quella frequenza! Per questo è importante contattare la parte più profonda di noi, che spesso evitiamo di vedere e ascoltare perché non ci piace, o ci fa paura: è quella che Jung chiamava ombra. Finché non la accettiamo e non la integriamo, si mostra a noi sotto forma di eventi esterni che ci mettono in difficoltà, e causano dolore, così da costringerci a guardarla. Spesso non ci diamo il permesso di riconoscerla, perché scatta un giudice interiore che la castra, proprio come Saturno ha castrato Urano nel mito.

Il giudice interiore non è altro che il sistema di credenze, di valori e di convinzioni che abbiamo ereditato dal clan famigliare. Gli antenati sono forze psichiche che agiscono in noi (ne ho parlato in questo video). Questo è il tempo di liberarsi dei mandati familiari e di diventare protagonisti della propria vita. Il passato deve essere lasciato andare con gratitudine. I copioni inconsci devono essere pacificati e trasformati. Come si fa? Lavorando sull’albero genealogico, con la psicogenalogia e le costellazioni familiari, per esempio.

Ricorda: onorare il passato non significa ripeterlo!

Il nostro compito adesso è rompere le catene che ci tengono in ostaggio dentro un sistema che non ci rappresenta, e autorizzarci a essere autentici. Il primo passo è riconoscere dove non ci siamo mai concessi di cambiare, ammettere la nostra vulnerabilità e la nostra rigidità, e sperimentarci in quello che avremmo sempre voluto fare, o essere, e non abbiamo mai osato.

Tutto comincia con un pensiero: che idea ti sei fatto di te?

Quante volte ti sei ripetuta “Io sono così”, limitandoti?

Adesso puoi smettere di credere di non meritare di più. 

C’è un nuovo mondo da costruire, e possiamo solo farlo insieme. Ma c’è bisogno di persone autentiche. Perciò smetti di negare la verità, e comincia a farti delle domande. Abbi fiducia e arriveranno le risposte, e così troverai anche il modo di dare una nuova forma a quello che da sempre è dentro di te!

Tutto quello che ti serve è già qui: se non lo vedi, è perché non vuoi vederlo. Smetti di giudicarti, e ricomincia da te!

Io ce la metterò tutta. Lo farai anche tu, vero?

Un grande abbraccio,

Roberta

Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, la tua psiche profonda, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling immaginale che utilizzo per fare anima (astrologia evolutiva, psicogenealogia e costellazioni familiari, regressioni e progressioni evocative, carte dei Nat), scrivimi: roberta.turci@gmail.com 

Tripla congiunzione in Capricorno e Novilunio in Scorpione: la manifestazione della trasformazione, di Roberta Turci

 

Novembre è probabilmente il mese più intenso di questo 2020 che non conosce tregua. E la settimana che va dal 9 al 15 novembre è particolarmente significativa.

Dalla Grande Congiunzione Saturno-Plutone in Capricorno del 12 gennaio in poi, l’energia si è fatta sempre più densa. Le restrizioni e l’abuso di potere ci hanno messo di fronte a una scelta: farci controllare dagli eventi esterni e dalla paura o cercare il centro dentro di noi, per mantenere alta la frequenza e conservare l’equilibrio interiore.

Novembre è il mese della terza e ultima congiunzione di Giove e Plutone, che rappresenta il culmine di una situazione. L’aspetto è attivo per tutto il mese, ma sarà esatto il 12, e si forma proprio a 22° del Capricorno, a soli 5′ dalla Grande Congiunzione di gennaio. Così scrivevo in occasione dell’ingresso di Giove in Capricorno, lo scorso dicembre,

come un’onda anomala sulla quale dovremo imparare a surfare per non naufragare, il 2020 sarà scandito da transiti e aspetti planetari che mirano a demolire per ricostruire. Il sistema su cui da secoli è fondata la vita umana, si sta sgretolando e corrompendo: tutto quello che sta accadendo e che accadrà, è funzionale all’affermazione di un nuovo paradigma, fondato sull’equità e sull’autenticità.

E ancora:

Saranno i contatti di Giove con Plutone ad assisterci nel processo di dissoluzione delle nostre paure inconsce, quelle ataviche e inaccessibili che ci hanno tenuto lontani da noi stessi, trattenendoci dal vivere una vita autentica. Giove, grazie al moto retrogrado, si congiungerà con Plutone ben tre volte: il 5 aprile, il 30 giugno e il 12 novembre, liberandoci dalla paura di essere ciò che vogliamo essere. Per molti, si tratterà di una crisi esistenziale, di una rivoluzione interiore. Si tratterà di mettere in discussione tutte le convinzioni e le credenze limitanti, il sistema di (falsi) valori su cui è stata impostata e costruita la vita.

Ripensando a quello che è successo intorno al 5 aprile, cosa hai imparato in questi mesi? Cosa è cambiato dentro di te?

Non era difficile ipotizzare un’ulteriore morsa del potere, con una nuova chiusura e altre limitazioni. La terza congiunzione Giove-Plutone parla di eccesso di controllo, ma anche di un aumento della paura. Su un piano più concreto, vedremo anche notevoli effetti nel settore delle finanze e dell’economia, dove si fa sentire anche il passaggio di Urano, che durerà fino al 2026.

Tuttavia, più di ogni altra cosa, questo terzo contatto tra Zeus, l’archetipo della volontà e del potere, e Ade, l’archetipo della ricchezza interiore, dell’invisibile, dell’inconscio, vuole insegnarci a trovare un significato più profondo alle nostre vite, mentre accelera il collasso del vecchio sistema, e la nostra trasformazione spirituale. 

Inoltre, questa congiunzione coinvolge anche Saturno, ed è quindi di fatto una tripla congiunzione nel segno del Capricorno. 

Immaginiamo un edificio fatiscente che deve essere demolito per fare spazio a una nuova costruzione più funzionale e allineata con i principi della bioarchitettura: ci vuole una prima esplosione per buttare giù la parte già pericolante (congiunzione Saturno-Plutone di gennaio), poi una seconda esplosione, più deflagrante, con conseguenti danni evidenti alle parti più resistenti (fine marzo – con Marte congiunto a Giove e i titani in Capricorno, e inizio aprile con la prima congiunzione Giove-Plutone), e infine una terza (12-13 novembre con la tripla congiunzione in Capricorno) per radere tutto al suolo.

Questo non significa che necessariamente adesso accadrà qualcosa di negativo. La manifestazione a livello collettivo è evidente, ma il vero cambiamento è il riflesso della metamorfosi interiore dei singoli individui. Ciascuno di noi sicuramente sente e sa quale area della sua vita è pericolante, quale struttura deve essere demolita per lasciare spazio al nuovo.

Marte, dal canto suo, prosegue il moto retrogrado fino al 14 novembre, quando riprende la sua marcia a 15° dell’Ariete. Per tutto il mese si muove tra i 15° e i 16° dell’Ariete, quindi si farà sentire soprattutto da chi ha pianeti o angoli del cielo in questi gradi dei segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno). La retrogradazione acuisce il senso di frustrazione. Quando poi il pianeta rosso torna diretto, ecco che cambia l’energia, e l’emozione trattenuta si trasforma in rabbia, aggressività, impazienza.

Bisogna prestare attenzione, pensare prima di parlare o agire, per non rischiare di pentirsene poi. Piuttosto, è bene sfruttare la ritrovata chiarezza di intenti e preparare strategicamente la strada per gli obiettivi futuri. Ricordiamoci che Marte esce dalla zona d’ombra della retrogradazione (passa cioè il grado al quale è iniziato il moto retrogrado) il 4 gennaio 2021. Da quel momento, potremo agire, ma è importante connetterci ora con quello che desideriamo veramente.

Mercurio ha già ripreso il moto diretto dal 3 novembre, ma lascerà la zona d’ombra il 20. Giove, Saturno e Plutone sono già diretti da un po’. Il cielo ci sta indicando la direzione verso la quale avanzare. Sentiremo la voglia di fare, di ricominciare, di andare, e nonostante limitazioni e divieti, troveremo un nuovo modo di reagire. 

Il 12 novembre Mercurio oppone Lilith, portando alla luce qualche notizia destabilizzante, o favorendo un incontro chiarificatore: non bisogna temere di esprimere il proprio sentire, anche se si corre il rischio di causare un conflitto o una separazione. Di Lilith e del suo significato archetipico ho parlato ampiamente in questo video e in questo articolo.

E poi arriva il Novilunio, alle 6:07 di domenica 15 novembre, con i luminari congiunti a 23°17′ del segno dello Scorpione (giusto giusto sopra il mio Sole di nascita!), terza super Luna Nuova consecutiva, intensa e appassionata come nessuna. Ci chiede trasformazione interiore, il coraggio di andare in profondità, di non accontentarci di quello che vediamo stando sul pelo dell’acqua. Vuole farci navigare in acque inesplorate, ci guida verso verità scomode, ci accompagna al cospetto delle nostre emozioni più profonde. 

Non usa mezze misure, e non tutti ne coglieranno le intenzioni. Transiti e lunazioni non determinano gli eventi né decidono le nostre azioni. Muovono energia e lasciano a noi il compito di trasformarla. Marte è uno dei governatori dello Scorpione, e diventa diretto proprio il 14 novembre, poche ore prima del Novilunio. Marte è azione orientata, determinata e audace. Ma può diventare rabbia e impulsività, se la coscienza non è sveglia.

Lo Scorpione non si tira indietro di fronte al conflitto, anzi spesso lo provoca, perché sa che solo attraverso di esso qualcosa può morire per lasciare spazio e respiro a ciò che sopravvive.

Lo Scorpione dominato dalla personalità si allinea alle logiche del potere e ambisce alla ricchezza e alle posizioni di comando con modalità manipolatorie e obiettivi egoici.

Lo Scorpione evoluto, che ha preso coscienza di sé e sa qual è l’obiettivo della sua anima, non disperde energia e la fa confluire nel cammino verso l’Illuminazione. La destinazione è proprio il Capricorno, segno dell’Iniziato, che ha il compito di dare forma alle energie messe in gioco. Il suo potere è nella centratura e nei desideri altruistici. Non si nasconde nel buio né cerca luoghi per elevarsi sopra gli altri, ma emana Luce a beneficio di tutti.

Lo Scorpione, e Plutone, suo governatore, rappresentano un enorme setaccio, che separa ciò che è prezioso da ciò che non lo è. Esattamente come nell’intestino, organo associato al segno,  le sostanze nutritive, che vengono trattenute, sono separate dallo scarto, che viene eliminato.

In ogni processo di trasformazione, qualcosa “muore”, anche solo perché cambia forma. Proprio come la fenice che rinasce dalle sue ceneri, che sono i residui della personalità bruciata. Nella rinascita della fenice c’è la rappresentazione della presa di coscienza e dell’allineamento all’essenza, al Sé, al daimon. L’amore vince i conflitti, la forza vitale aumenta se l’individuo agisce per il bene collettivo.

Possiamo scegliere se dare potere alle autorità, che nella realtà tridimensionale, o oggettiva, ci limitano e ci condizionano, e sembrano privarci di qualcosa di essenziale. Oppure a noi stessi, prendendoci la responsabilità di rischiare di esprimere il nostro potenziale. 

Il lavoro che ci hanno richiesto i pianeti retrogradi per molti mesi, e in primis Marte, è stato propio quello di accedere al nostro potenziale e connetterci ai nostri desideri più autentici, alle nostre passioni, alle risorse interiori. Ora dovremmo aver gettato le fondamenta di un nuovo sistema secondo i nostri valori, e non in base a quello che ci hanno lasciato in eredità gli antenati, condizionati dal potere istituzionalizzato. Con gratitudine e consapevolezza, possiamo tagliare il cordone ombelicale e respirare da soli.

Tutte le autorità esterne possono condizionarci solo se non abbiamo sviluppato un’autorità interna ben regolata: è l’archetipo del padre, che va pacificato e integrato. Non dobbiamo più aspettarci né il suo sostegno né la sua approvazione. 

Ogni crisi è di fatto un’opportunità per accorgerci di risorse che neanche sapevamo di avere. Nelle difficoltà, si vede la qualità dell’essere umano: c’è chi si sente vittima, e si abbandona a rabbia e paura, incolpando gli altri per le proprie difficoltà, e chi cavalca il cambiamento, lasciando andare le zavorre e manifestando il potenziale fino a quel momento inespresso. 

Guarda dove si forma il Novilunio nel tuo tema natale. Aiutati con il tutorial. In quell’area della vita che corrisponde alla casa in cui si verifica la Luna Nuova, può arrivare per te una trasformazione potente. 

Non accadrà per tutti. Ci vuole il coraggio del lavoro interiore, dell’incontro con Ade, del viaggio ctonio, sotterraneo. Ci vuole la costante presenza nelle proprie emozioni, la determinazione ispirata, l’apertura del cuore.

E proprio come un grande setaccio, il Novilunio in Scorpione segnerà un momento di ulteriore separazione tra chi sceglierà di allinearsi al nuovo che avanza e chi non avrà il coraggio di ascoltare il suo cuore. Questa è per me (e per tanti altri, lo so) la parte più dolorosa della speciazione in corso: dover lasciare indietro chi non avrà la forza di proseguire. Ma sono uno Scorpione, e lasciare andare è tutto quello che devo imparare…

Buona rinascita a tutti, di cuore. E buon ritorno solare a me…

A proposito, domenica 15 alle 20:30 vi invito su Facebook per una diretta dedicata al Novilunio e all’energia delle successive settimane, in cui avremo le eclissi sull’asse Gemelli/Sagittario. Sarà anche l’occasione per festeggiare idealmente il mio compleanno con voi, dato che il 15 novembre alle 15:30 circa scatta il mio personale ritorno solare! Vi aspetto con gioia!

Roberta

Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, la tua psiche profonda, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling immaginale che utilizzo per fare anima (astrologia evolutiva, psicogenealogia e costellazioni familiari, regressioni e progressioni evocative, carte dei Nat), scrivimi: roberta.turci@gmail.com 

 

 

 

 

 

LILITH IN TORO: MANIFESTA IL TUO DESTINO!, di Roberta Turci

La staffetta celeste continua, e mette in campo uno dei suoi archetipi più misteriosi e potenti, un archetipo anche molto frainteso, Lilith. Femminile sacro e ribelle, guida dall’oscurità le nostre azioni, attivando la ferita emozionale primordiale per portarla alla Luce e sanarla.

Il 21 ottobre Lilith è entrata nel segno del Toro, dove si trova da tempo Urano, che silenziosamente la stava aspettando, pronto a riattivarsi e risvegliarci.

Resterà in Toro fino al 18 luglio, quando si sposterà nei Gemelli, dove si trova il Nodo Nord (con il quale si congiungerà in occasione della Luna Nuova in Vergine del 7 settembre 2021!). La sua orbita dura infatti circa 9 mesi, proprio come una gestazione.

Lilith non è un pianeta, non è materia, è uno spazio vuoto, un’energia oscura.

Dal punto di vista astronomico, è definita come il punto focale dell’orbita lunare non occupato dalla Terra.

Semplificando, possiamo dire infatti che la Luna si muove lungo un percorso ellittico intorno alla Terra. L’ellissi presenta due punti focali: quello non occupato dalla Terra è stato chiamato Luna Nera o Lilith.
La Luna Nera è stata anche definita apogeo dell’orbita lunare, ovvero il punto dell’orbita più lontano dalla Terra.

Entrambi i punti, l’apogeo e il secondo punto focale, si trovano sull’asse lungo dell’ellisse orbitale, detto anche “linea degli apsidi”. Visti dalla Terra, si trovano nella stessa direzione e quindi occupano la stessa posizione nello Zodiaco.

Simbolicamente, ci richiama a un’immagine che si contrappone all’archetipo Lunare, associato alla madre e alla famiglia, essendo la Luna il governatore del segno del Cancro e signore della IV casa. La Luna Nera, lo spazio buio, oscuro, vuoto, più lontano dalla Terra (che è il luogo dove manifestiamo il nostro destino), ci invita quindi a staccarci dai condizionamenti inconsci che arrivano dalla famiglia di origine e dal sistema di valori che abbiamo “ereditato” dai nostri avi.

Il punto in cui si trova Lilith nel nostro tema natale (o dove transita) rappresenta l’area della vita in cui siamo chiamati ad allontanarci dai nostri riferimenti, dalle zone in cui ci sentiamo al sicuro. L’essere umano tende a costruirsi delle sicurezze, per lo più materiali, ad accumulare cose che può “possedere”, e attraverso questo possesso sente di appartenere a un sistema, che sia un ambiente lavorativo, una famiglia, un luogo fisico. Il segno del Toro è proprio associato alla sicurezza materiale e al possesso, ma anche alle risorse, ai talenti, al corpo fisico e ai piaceri sensuali, e alla Madre Terra.

Chi ha Lilith in Toro nel tema di nascita ha infatti una profonda, inconscia, paura di perdere le proprie sicurezze. La ragione per cui si attacca a possedimenti materiali e situazioni concrete (una casa, una macchina, un luogo, un ruolo) è la mancata percezione del valore di sé.

Il transito di Lilith in Toro agisce a livello collettivo in modo analogo, attivando cioè in ciascuno di noi la paura inconscia di non essere al sicuro (sincronicamente, in un clima di incertezza generale) per spingerci a cercare il senso di appartenenza in qualcosa di più elevato, che ha a che fare con le nostre risorse interiori e con il desiderio della nostra Anima.  

Ci sentiremo strappati, sradicati da tutto quello che finora ha rappresentato per noi la sicurezza. Molti avvertiranno un senso di inquietudine che magari fino ad ora avevano gestito o zittito. Si renderanno conto che in quello stesso posto che hanno scelto per sentirsi al sicuro, si sentono in realtà prigionieri, incatenati, repressi.

Lilith, nel mito più vicino alla nostra cultura, è la prima moglie di Adamo, è la donna che si è AUTOESILIATA dal paradiso terreste perché non voleva sottomettersi all’uomo e alle regole del sistema creato da Dio, è il femminile che si è ribellato ai dettami sociali.

Lilith è tornata poi nel paradiso terrestre sotto le sembianze del serpente che ha tentato Eva, e quindi Adamo, per consegnare loro la conoscenza necessaria per risvegliarsi e mettersi sul cammino dell’illuminazione. Per questo, fu maledetta da Dio, insieme a tutta la stirpe terrestre. Dio qui è il sistema, l’autorità, la stessa che si sta esprimendo ora attraverso le restrizioni e le limitazioni imposte dai governi e dalle istituzioni, e che astrologicamente è rappresentata dal trio in Capricorno (Giove, Saturno, Plutone).

La maledizione che Dio ha lanciato su Lilith l’ha relegata nel buio dell’inconscio, ed è quella che le è costata la fama di diabolica e oscura. I miti su di lei sono tanti e antichissimi, e tutti riconducono a una forza temibile, da reprimere e da nascondere.

L’umanità è stata educata a temere il buio, mentre il buio è una grande occasione. Nel buio, il seme si prepara a manifestare il proprio potenziale. E così dovremmo fare anche noi. Accettare il buio, abbandonandoci nelle sue braccia, lasciando andare il bisogno di controllare ogni cosa, che è solo un’illusione.

La verità è che quella maledizione è necessaria, e non è altro che la metafora del processo doloroso necessario per scendere nel proprio inconscio a guardare in faccia la ferita emozionale primordiale che è in tutti noi. Il dolore è quindi la strada verso la conoscenza e l’illuminazione, gli unici strumenti che possiamo utilizzare per guarire.

Lilith è una forza femminile, e questo non deve stupire, perché è il femminile che può salvarci, con la sua capacità di accogliere e sentire, con la forza della dolcezza e il coraggio di sentire le emozioni.

Secondo altre fonti, Lilith sarebbe lo spazio vuoto in cui è esistito un pianeta ora andato distrutto, Tiamat (forse dopo guerre intergalattiche narrate in avvincenti miti di varie culture), che si trovava tra l’orbita di Marte e Giove. Ora, in quella stessa zona, c’è la cintura degli asteroidi, che sarebbero quindi frammenti di Tiamat, tra cui Cerere/DemetraVesta/EstiaPallade AtenaPersefone e Giunone, che sincronicamente portano i nomi delle principali dee che vivono in ogni donna, come se Lilith racchiudesse in sé tutti i volti del femminile.

E non è affatto trascurabile, né ovviamente è un caso, che Lilith si trovi ora nel segno governato da Venere, per ribadire quello che già ci sta dicendo Urano, e cioè che il nostro modo di stare in relazione deve cambiare.

Venere/Afrodite offre il suo amore e la sua bellezza senza alcuno scopo. Lei è consapevole del proprio valore e non ha bisogno di conferme. Incarna prima di tutto l’amore per sé. Essere libera dai condizionamenti delle aspettative e del riconoscimento la rende autentica, ed è proprio questa sua autenticità che la rende irresistibile. Venere sceglie di stare dove vuole stare!

Non è nemmeno casuale che tutto il 2021 sarà caratterizzato dalla quadratura tra Urano e Saturno, che nel mito sono padre e figlio: l’aspetto di tensione tra i due pianeti corrisponde alla castrazione di Urano ad opera di Saturno, e da quel gesto ha origine proprio la nascita di Venere!

La rivoluzione delle coscienze e la trasformazione del sistema di valori comincia proprio da qui: non può più esistere il possesso nelle relazioni, che spesso sono basate su logiche di convenienza e comodità e sulla paura della solitudine. Ho approfondito questo tema nel video “L’alchimia delle relazioni” (https://youtu.be/FIvo8KKxB5E) e in un articolo, che trovi qui.

È arrivato il tempo di scegliere dove stare senza farsi condizionare dall’opinione e dalle aspettative altrui, imparando ad amministrare le proprie risorse senza dipendere dagli altri, a costo di sentirsi esclusi dal sistema!

Lilith ha scelto di autoesiliarsi per essere libera di manifestare il proprio destino! Ed è quello che siamo chiamati a fare anche noi, adesso!

Ma – te lo ricordo ancora una volta – non è Lilith o qualunque altro archetipo planetario a far accadere le cose! Quello che tu vuoi che accada, accadrà se TU fai qualcosa perché accada. C’è quindi da lavorare su di sé, per sentire di essere in grado di farlo.

Se oggi ti trovi in una situazione scomoda, difficile, dolorosa, non cercare un colpevole. Chiediti semplicemente:

Quale scelta ho fatto o non ho fatto in passato per cui ora mi trovo a questo punto?

Di cosa ho avuto paura?

Di essere escluso, rifiutato?

Devi scavare dentro di te. Devi andare fino in fondo, nella tua psiche profonda, dove sono racchiuse le immagini che appartengono a tutte le vite vissute e alla storia dei tuoi antenati.

Lilith parla proprio delle antenate escluse dal sistema, delle frustrazioni vissute da tua madre, da tua nonna, e via via da tutta la stirpe femminile del tuo clan familiare. Parla dei segreti di famiglia, come Plutone.

Lilith assomiglia molto a Plutone. I suoi transiti sono solo più veloci, ma hanno lo stesso potere alchemico. Ti trasformano, se lo vuoi. Devi solo scegliere.

Ricordati che possiamo sempre scegliere. Ed è bene farlo, perché quando non scegliamo, lo fanno gli altri per noi.

Mentre era in Ariete, Lilith si è congiunta a Marte ben due volte (la terza congiunzione sarà il 29 gennaio 2021 nel segno del Toro, a circa 11°), ed è stata “affiancata” da Eris, dea della discordia (colei che ci costringe a una scelta anche a costo di far scoppiare un conflitto!) e a Chirone, il guaritore ferito. In Ariete, tutti questi archetipi hanno lavorato (e Marte non ha ancora terminato la sua parte…) sulla nostra autoidentificazione, aiutandoci a riconoscere la nostra vulnerabilità, e a iniziare un processo di destrutturazione e poi di ricostruzione di una nuova identità. Si è trattato di una fase più interiore, psicologica. Adesso, in Toro, Lilith ci chiede di manifestare concretamente questi cambiamenti, di portare il risultato della trasformazione nella realtà materiale.

Il 23 ottobre il Sole entra nello Scorpione, il segno della trasformazione per eccellenza. E il primo aspetto che questo Sole fa è proprio l’opposizione con Lilith: i due archetipi si guardano, Lilith ha un messaggio per lui…c’è un nuovo femminile ad attenderlo nel mondo che verrà…

Il 22 dicembre, subito dopo il Solstizio d’Inverno, e la congiunzione Giove-Saturno in Aquario, Lilith si congiungerà a Urano: nuove idee visionarie minacceranno il vecchio sistema, e sarà sempre più difficile far tacere la voce interiore degli outsider. Nonostante la paura, le anime affini e ribelli si ritroveranno, dandosi forza e coraggio a vicenda.

La mia ombra è la tua ombra. Il mio inconscio è il tuo inconscio. Cadono le barriere dell’io.

Non sono fatti miei. Non sono fatti tuoi. Sono fatti di tutti. Sono fatti dell’umanità intera!

Come vasi comunicanti, i nostri mondi interiori, che percepiamo come isolati e personali, si riversano l’uno nell’altro, nel grande bacino che è l’inconscio collettivo. Siamo tuti connessi. E per questo, cambiare è un dovere di tutti!

Nel 2021, il 2 maggio, Lilith incontrerà infine anche Venere: tutte le dee cammineranno insieme! Come un fiore che sboccia dall’asfalto, un nuovo femminile, intriso di fierezza e dolcezza, trascinerà l’umanità verso un nuovo mondo.

Niente è per sempre.

Se ti ostini a rimanere dove ti senti in catene, stai ancora dando potere agli altri.

Ma gli altri sono solo gli strumenti che la vita usa per svegliarti. Sono la proiezione della tua parte inconscia che non ascolti mai.

L’inconscio adesso alza la voce: è il tuo lato selvaggio che chiede di essere ascoltato. Ti ricordi il mito del Minotauro? Ne ho parlato nell’articolo dedicato a Urano in Toro:

A livello archetipico, Urano in Toro ci invita a liberare il Minotauro, ci incoraggia cioè ad ascoltare il nostro lato selvaggio, l’istinto naturale, ad alimentare e coltivare le nostre risorse in modo libero e indipendente, a ridefinire il sistema di valori in base alla nostra verità personale, a trovare la sicurezza in noi stessi, e non nelle strutture consolidate e negli schemi nei quali ci siamo incastrati per essere accettati, accuditi, protetti.

Questo è il tempo in cui Arianna libera il Minotauro: il maschile, il femminile e l’anima selvaggia si uniscono.

TU puoi scegliere di cambiare il finale della storia. La storia di Arianna, la storia del Minotauro, la TUA storia. Tu, che sei me. E io, che sono te. Insieme, possiamo cambiare la nostra storia.

Un grande abbraccio,

Roberta

Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, la tua psiche profonda, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling immaginale che utilizzo per fare anima (astrologia evolutiva, psicogenealogia e costellazioni familiari, regressioni e progressioni evocative, carte dei Nat), scrivimi: roberta.turci@gmail.com 

Solstizio d’Estate ed Eclissi Solare – 2020: il secondo tempo sta per cominciare, di Roberta Turci

In un anno così stra-ordinario, in un momento epocale, di grande trasformazione, non poteva che esserci un Solstizio eccezionale (sabato 20 giugno alle 23:44), seguito da un’Eclissi Solare (domenica 21 giugno alle 8:40), l’ultima della serie con i Luminari nel segno del Cancro.

IMG_2547

La combinazione di un Solstizio con un’Eclissi rappresenta un cambiamento molto forte, che vedremo manifestarsi sia a livello collettivo sia a livello individuale. Dobbiamo tirar fuori il nostro Sole interiore: è ora di manifestare qualcosa che mostri la nostra identità, allineata con il proposito dell’anima (Nodo Nord).

Normalmente, in una serie, c’è una sola Eclissi Solare allineata con il Nodo Nord. In questo ciclo, iniziato nel 2018, ce ne sono ben 3! La prima è stata quella del 13 luglio 2018 (il Nodo Nord era ancora in Leone), la seconda quella del 2 luglio 2019 (la più potente, con Saturno congiunto al Nodo Sud, e il Nodo Nord in Cancro), e la terza è quella di domani, 21 giugno, con il Nodo Nord in Gemelli.

Come scrivevo in occasione dell’Eclissi del 2 luglio 2019,

un’Eclissi Solare avviene sempre in concomitanza con una Luna Nuova, quando Sole e Luna sono congiunti e allineati con la Terra. Pertanto, per la definizione stessa di Nodo Lunare (puoi approfondire il significato dei Nodi Lunari qui e qui), un’Eclissi si verifica sempre in prossimità dei Nodi.

Il 21 giugno, i Luminari sono strettamente congiunti al Nodo Nord, che si trova però già nel segno dei Gemelli, a 29°. Sulla polarità opposta, in Sagittario, troviamo ovviamente il Nodo Sud. I Luminari sono quadrati a Marte in Pesci, e fanno un aspetto di quinconce con Saturno, retrogrado a 0° dell’Aquario.

Il Sole dice: io voglio…

La Luna dice: io ho bisogno di…

Saturno dice: io devo…

Bisogna metterli d’accordo, e non è semplice.

Il trigono Venere – Saturno ci rende consapevoli che ci sono responsabilità e limiti da rispettare. Ma dobbiamo essere flessibili, adattarci, trovare un equilibrio.

La quadratura con Marte indica che siamo ancora confusi sul da farsi: non è tempo di agire. Questo è piuttosto il momento di prendere coscienza di dinamiche inconsce e ferite profonde. In Pesci si trova anche Nettuno, governatore esoterico del segno del Cancro: bisogna nutrire gli altri in modo disinteressato, andando oltre i propri bisogni soggettivi. Riusciremo a vedere quali ferite ci impediscono di farlo?

Con questa Eclissi siamo spinti a rivalutare tutto quello che abbiamo vissuto negli ultimi due anni e a costruire una nuova stabilità, un nuovo modo di sentire noi stessi, e ridefinire il concetto di sicurezza, sia quella che possiamo offrire agli altri sia quella che desideriamo per noi.  Quanto sacrifichiamo noi stessi per illuderci di essere al sicuro? 

Come scrivevo in questo articolo, dedicato all’Eclissi Solare in Capricorno del dicembre 2019, in cui ho riportato gli aspetti più significativi dei passaggi in atto e il messaggio di questo ciclo di eclissi,

Non siamo tutti pronti ad accogliere la nuova Era, ma anche i più refrattari saranno costretti ad aprire gli occhi e rivedere vecchie decisioni, e a cambiare strada. Chi non lo farà, e si opporrà al cambiamento, vedrà manifestarsi la nuova energia sotto forma di eventi spiacevoli e destabilizzanti. Le Eclissi sono proprio i momenti in cui è più difficile sottrarsi all’influenza delle energie in azione, e anche chi non è connesso con il proprio sentire e rimane ancorato a una visione materialistica e superficiale della vita, viene spinto a scendere in profondità.

C’è molto da rivedere dentro di sé. D’altronde, ci sono ben 5 pianeti retrogradi.

Venere ci sta aiutando a rivalutare valori e desideri, per avere poi le idee più chiare su quello che vogliamo veramente. Riprenderà il moto diretto il 25 giugno.

Mercurio è il grande protagonista. Chi più di lui può accompagnarci a guardare in faccia l’ombra? Guarda caso, che non è ovviamente un caso, bensì una sincronicità, fa la sua retrogradazione nel Cancro (dal 18 giugno al 12 luglio, dai 14° ai 5° del segno), segno associato alle radici, alle fondamenta su cui abbiamo edificato la nostra “casa”, alla storia famigliare, alle immagini sepolte nella psiche profonda.

Con Mercurio retrogrado si fa un viaggio nel tempo, nei ricordi, per comprendere il passato, rivedere luoghi e persone, rivalutare progetti e decisioni.

Il prossimo 1° luglio, quando Sole e Mercurio saranno congiunti, potremo renderci conto di quello che vogliamo fare veramente, e iniziare a muoverci verso un nuovo progetto, anche se è sempre bene aspettare che Mercurio torni diretto prima di definire le cose e firmare accordi o contratti.

Come sappiamo, Mercurio retrogrado è un buon momento per comunicare le emozioni, ma è anche possibile che ci siano fraintendimenti, errori di valutazione, problemi con i mezzi di comunicazione e di trasporto, o che tendiamo a perdere oggetti e dimenticare appuntamenti.

Tuttavia, Mercurio retrogrado ci offre anche la possibilità di attivare l’emisfero destro: il messaggio che porta può servirci per cambiare il nostro modo di percepire e vivere il mondo che abbiamo attorno. Può esserci un significativo cambio di visione, e risvegliarsi la creatività.

Guarda in quale zona della tua carta natale si trova il segno del Cancro: la retrogradazione di Mercurio, il Novilunio e l’Eclissi si verificano lì,  e hanno sicuramente qualcosa di importante da dirti!

Tutti i pianeti retrogradi stanno aiutandoci a rivedere aspetti della nostra vita, ed esplorare possibilità, in modo da essere più consapevoli quando programmeremo il futuro.

Anche Nettuno sta per cominciare il moto retrogrado, il 23: qualsiasi decisione andrà presa in accordo con l’anima, e in sintonia con l’anima mundi. Per raggiungere i nostri obiettivi, abbiamo bisogno di collaborare con gli altri, di non muoverci solo per egoismo!

E quando Marte entrerà in Ariete, nuove energie si metteranno al servizio del cambiamento. Avremo modo di imparare cose nuove, che ci serviranno per prendere iniziative e lottare per una tranquillità autentica.

Nessuno può farci sentire al sicuro, se non ci sentiamo sicuri interiormente. Ma non siamo stati abituati a reggerci in piedi da soli. L’enfasi in Capricorno, coadiuvata da Urano in Toro, sta destrutturando il vecchio paradigma, corrodendo lo scheletro del mondo come l’abbiamo conosciuto. Ci sta facendo mettere tutto in discussione, affinché rimanga solo l’essenziale, ciò che è vero. 

Un Novilunio in Cancro con Eclissi ci porta impietosamente e inevitabilmente davanti a noi stessi, nudi, disarmati. Le ferite più profonde si mostrano: se vogliamo, possiamo vedere chiaramente lo schema istintivo che mettiamo in atto per negarle e proteggerci dal dolore. Se vogliamo, possiamo smettere di raccontarcela, e guardare in faccia le nostre paure.

Dov’è la tua Luna natale? In quale segno cade? Guarda anche la casa in cui si trova e il reggente di quella casa. E gli aspetti che fa. Quando non siamo consapevoli, si manifesta lo schema inconscio, la modalità a cui siamo abituati, che si attiva per difesa. Se diventiamo coscienti delle dinamiche istintive, possiamo trasformarle, e la Luna allora manifesta la sua faccia luminosa.

In questi articoli dedicati alla Luce Karmica della Luna (parte I e parte II) trovi le parole chiave che ti mostrano le due facce, e ti aiutano a comprendere qual è il salto di coscienza che devi fare.

Ti ricordi quando ho definito il 2020 un’onda anomala? Scrivevo, a proposito di Giove in Capricorno:

Bisogna demolire per poter ricostruire. Bisogna perdere l’equilibrio per spiccare il salto. Quante volte hai rinunciato al tuo sogno, rimanendo ancorato a ciò che conosci, per paura della solitudine e del giudizio? 

Il primo tempo del 2020 ci ha tenuto col fiato sospeso: tra colpi di scena e silenzi, tante certezze sono crollate. Si è svelata tutta la nostra vulnerabilità. Il secondo tempo sta per cominciare. Ma non metterti comodo. Le perturbazioni continuano. Scegli tu, se imparare a surfare, o resistere all’onda anomala. Ma sappi che se tenti di resisterle, il rischio che ti travolga è alto.

E per surfare, bisogna essere leggeri. Perciò, è meglio lasciare andare le zavorre, tutto quello che non serve più. Lo so che è difficile. Ci sembra impossibile fare a meno di persone, luoghi e abitudini che abbiamo considerato finora imprescindibili.

Il 30 giugno, Giove e Plutone saranno congiunti per la seconda volta, ed entrambi ora sono in moto retrogrado: il vero pericolo adesso è la tua paura. Che è anche la mia. La paura di non farcela, di perdersi, di morire. Ma alla paura non si sfugge. Solo se la guardi negli occhi, puoi scoprire che in te c’è anche il coraggio di andare avanti lo stesso. Che puoi abbandonarti al flusso, con fiducia. E raggiungere la riva, dove sarai al sicuro, sano e salvo.

Che dici, ci troviamo là?

Intanto, ti aspetto per la conferenza organizzata dal CIDA su zoom, domani, 21 giugno, alle 17:30. Parleremo delle Eclissi!

Ti ricordo anche il mio canale YouTube, su cui trovi, tra gli altri, il tutorial che ti aiuta a vedere dove cadono le lunazioni e i transiti nella tua carta natale. Se ti piacciono i miei video, iscriviti al mio canale, e metti mi piace e condividi! Grazie!

Puoi anche contattarmi per una consulenza personalizzata: roberta.turci@gmail.com L’interpretazione in chiave karmica ed evolutiva del tuo tema natale ti permette di comprendere meglio la destinazione scelta dalla tua anima, le lezioni che hai già imparato e quelle cha ancora devi apprendere. E con gli strumenti del counseling immaginale, posso aiutarti a fare anima…

Un immenso abbraccio di Luce e buon Solstizio!

Roberta

 

 

 

Saturno in Aquario e Novilunio in Ariete: trovare la via dell’Anima, di Roberta Turci

Scrivo questo articolo, che dovrebbe essere dedicato al Novilunio in Ariete, con grande difficoltà. In questo momento, l’unica cosa che avrebbe senso fare, è stare in silenzio, alla ricerca della propria anima, perché è lì, e soltanto lì, che ciascuno può trovare risposte e risorse.

IMG_0341

In tanti mi scrivono chiedendomi quando tutto questo finirà, confidando in una risposta scritta nelle stelle, e allora colgo l’occasione per ricordare, ancora una volta, che l’astrologia è un dono che l’universo ci ha fatto per aiutarci a comprendere il senso e il significato di quello cha accade. I pianeti non sono la causa di ciò che viviamo sulla Terra. Non c’è una relazione di causa-effetto tra corpi celesti ed eventi materiali, bensì di sincronicità. “Come in alto, così in basso”, diceva Ermete Trismegisto.

In questi tempi nuovi e straordinari, anche l’astrologia deve cambiare, se vuole mettersi davvero al servizio dell’uomo. L’ho scritto, e ripetuto molte volte, e oggi più che mai è necessario ricordarlo. Non dobbiamo usare l’astrologia per sapere quando incontreremo l’amore, o quando troveremo il lavoro, o guadagneremo più soldi, o quando tutto questo finirà. Gli astri hanno cose molto più importanti da dirci, e l’unica cosa che conta è porsi questa domanda, sempre: “Cosa posso imparare io da questa situazione?”, e non sottrarsi al viaggio interiore che conduce alla risposta.

Per una curiosa sincronicità, nei giorni in cui è scoppiata l’emergenza coronavirus, stavo traducendo una parte del libro “Astrologia Medica” di Jeffrey Green, fondatore dell’Astrologia Evolutiva, in cui si parla della relazione che esiste – da un punto di vista strettamente scientifico – tra paura e abbassamento delle difese immunitarie.

Secondo l’Astrologia Evolutiva, il virus è Plutone, l’invisibile, il sovrano del regno delle ombre.

Nel mito, Plutone non risaliva quasi mai dall’Ade, e quando lo faceva, indossava il casco dell’invisibilità. Abbiamo creato e nutrito una società basata sull’apparenza, sull’accumulo, sul possesso, in cui la materia trionfa sullo Spirito, esiliandolo, travisandolo o deridendolo, dove la medicina troppo spesso è arrogante e presuntuosa, e si vanta di allungare la vita delle persone, considerate casi clinici e trattate come protocolli, per avere onori e privilegi, e non per vero spirito di servizio. Abbiamo dimenticato il rispetto delle Leggi della Natura. E adesso, l’invisibile ci chiama.

Plutone è anche l’anima, la coscienza individuale, il ponte tra la materia e lo spirito, è il luogo nel quale si scende o per scelta o perché forzati da eventi fortemente dolorosi, come la morte di qualcuno che amiamo, o la perdita di qualcosa o qualcuno che abbiamo considerato fondamentale per dare un senso alla vita.

Plutone è morte e rinascita, è trasformazione. Il virus è lo strumento che la materia sta usando per costringerci a una trasformazione individuale e collettiva.

Tutti noi, studiosi di astrologia, avevamo previsto che il 2020 sarebbe stato un anno di grandi cambiamenti, e soprattutto che ci sarebbe stata un’esasperazione del controllo e del potere da parte delle istituzioni (lo stellium in Capricorno, e soprattutto la congiunzione di Saturno con il Nodo Sud). Nessuno di noi aveva previsto cosa avrebbe determinato, sul piano materiale, questa forte affermazione dei poteri istituzionali, ma sapevamo che l’obiettivo finale, a livello evolutivo, era, ed è, la ribellione (Urano in Toro) a un sistema che ormai non poteva più reggere.

Il controllo e il potere sono rappresentati dall’archetipo Saturno/Capricorno/X casa. E non li ritroviamo solo a livello sociale, politico o economico. Non è forse un bisogno di controllare la nostra vita che ci fa chiedere all’astrologo: “quando arriverà l’amore?”, o “quando finirà tutto questo?”.

Poiché viviamo in una realtà duale, polarizzata, ogni pianeta, segno o casa astrologica è associato a un archetipo che può esprimersi a livello della personalità o a livello dell’anima, a seconda dell’evoluzione del singolo individuo. L’anima, come sappiamo, si incarna per compiere un percorso di crescita, e ogni vita è come un anno scolastico. A seconda della classe che frequentiamo, affrontiamo prove di diversa difficoltà, e approfondiamo le tematiche in modo più o meno intenso.

L’archetipo Saturno/Capricorno, a livello della personalità è ambizioso, controllante, prigioniero della forma e della struttura, e abusa delle risorse, anche quelle delle terra. A livello dell’anima, percepisce l’energia all’interno della forma, è creatore delle strutture, servitore della terra, libero di trasformare.

Come anticipato sul blog da questo articolo di Ilaria Castelli, oggi, 22 marzo, Saturno è entrato (temporaneamente) in Aquario, e sono in tanti a sperare che questo passaggio ci libererà dall’austerità delle ultime settimane, ma purtroppo, personalmente non ne sono così sicura. Per lo meno, credo che la sua funzione non sia tanto quella di alleggerire l’atmosfera, quanto quella di attivare un tipo di energia che può sostenerci nel passaggio al nuovo paradigma, al quale tuttavia non si può avere accesso senza scendere da Ade e senza affrontare l’elaborazione del trauma. Ho approfondito questo discorso nell’articolo dedicato al Novilunio in Aquario del 24 gennaio scorso, che è stato appunto un’anticipazione della nuova energia.

Andiamo a guardare più da vicino l’archetipo Aquario/Urano/XI casa. Intanto, non dimentichiamo che Saturno è a casa sua anche nell’undicesimo segno, di cui è l’antico governatore, e che Urano è sì il rivoluzionario, l’outsider, colui che libera dal passato, da ciò che è conosciuto (Saturno), ma è anche correlato con il concetto di trauma. Inoltre, essendo l’Aquario un segno d’aria, tra l’altro associato al contagio, può rappresentare anche la maggiore diffusione del virus, trasmissibile per via aerea. E ci riporta simbolicamente anche alla respirazione e ai polmoni, gli organi bersaglio del virus, che rappresentano lo scambio con l’esterno, e quindi le relazioni.

Ma, potremmo chiederci, quale tipo di contagio si diffonderà maggiormente? Il virus, o la paura del virus, che archetipicamente sono riconducibili allo stesso simbolo, ovvero Plutone? O forse, a contagiarci sarà la disponibilità ad accogliere la trasformazione in atto, che è sempre plutoniana? E dove osserveremo il contagio? Quali aree saranno maggiormente colpite?

Tra l’altro, mi sembra doveroso aggiungere che una maggiore diffusione del virus non significa necessariamente un aumento dei malati o addirittura dei decessi, perché è nella natura dei virus perdere forza nel tempo e con la diffusione. Inoltre, nonostante la propaganda allarmistica dei media, la mortalità di questo virus non è superiore a quella di altri agenti patogeni simili, e la quasi totalità delle persone infette, è asintomatica. Il coronavirus non è pericoloso per le persone sane! E questo, letto in chiave simbolica, cosa ci suggerisce? Che è importantissimo attivare e rinforzare le nostre difese immunitarie, cosa sulla quale la medicina tradizionale accademica non sta portando affatto l’attenzione! E, guarda caso, il sistema immunitario ha sede nell’intestino, luogo in cui avviene continuamente un processo di trasformazione, ovviamente associato a Plutone.

Astrologicamente, l’archetipo corrispondente al sistema immunitario è Nettuno/Pesci/XII casa.

Il sestile che Nettuno dai Pesci forma con i pianeti in Capricorno, può rappresentare l’illusione, il delirio, il caos che non ci aiuta a discernere tra ciò che è vero e ciò che non lo è. Ma a chi ha un livello di consapevolezza più elevato, Nettuno dice: “onora l’essere spirituale in te. Stai centrato nel cuore, connesso con l’anima. Credi nella tua intuizione, coltiva la compassione per te stesso e per gli altri. Aiuta chi puoi aiutare, supporta chi è vicino a te. E onora le tue ferite, consentendo a te stesso di vivere il profondo processo di guarigione che sei chiamato a fare ora.”

Difendersi e proteggersi dal virus sul piano materiale, indossando una mascherina o lavandosi più spesso le mani, arieggiando i locali, aiutandosi con oli essenziali come il timo e il limone, assumendo sostanze naturali che attivano i linfociti preposti alle nostre difese (in astrologia evolutiva, i linfociti sono associati a Saturno!), è quello che possiamo fare concretamente per sostenere il nostro benedetto corpo umano, che deve essere onorato, in quanto prezioso strumento del percorso evolutivo sulla Terra.

Ma non si tratta solo di difendere il corpo dal virus. Dobbiamo proteggerci da tutto ciò che minaccia la nostra integrità e centratura, e ci trascina verso la zona buia in cui diventiamo ostaggio delle paure, la cui madre è, in ultima analisi, la paura della morte, archetipo plutoniano per eccellenza. Più abbiamo dimenticato l’invisibile, più ci siamo accordati al sistema materialistico, più abbiamo trascurato le relazioni, più abbiamo celebrato la materia rispetto allo Spirito, più l’invisibile chiede la nostra attenzione con forza, richiamandoci a sé.

Ma attenzione! Non si arriva allo Spirito senza onorare la materia! E se ogni malattia è l’espressione di una disarmonia dell’anima, non possiamo pensare di affrontarla solo sul piano spirituale, così come non è possibile eliminarla dal corpo usando solo l’approccio materialistico tradizionale. Ogni guarigione è essenzialmente una guarigione dell’anima, ma il processo deve riguardare anche il corpo, perché non si può risalire (Spirito) senza aver toccato il fondo (materia). E l’umanità non è altro che l’espressione più “densa” del Divino.

Ancora una volta, ribadisco che la manifestazione sul piano materiale degli archetipi attivati, non può essere prevista o ipotizzata in maniera univoca, perché molto dipende dal livello energetico dalla quale la osserviamo e la viviamo.

E come sempre, l’astrologia non ha senso, se isoliamo un singolo transito dal contesto in cui si inserisce.

In questa seconda parte del mese di marzo, ci sono stati e ci saranno moltissimi eventi significativi, a partire dall’Equinozio di Primavera, con l’inizio di un nuovo anno astrologico, al cambio di segno di Saturno, al Novilunio in Ariete, fino al passaggio di Marte dal Capricorno all’Aquario, il 31 marzo.

Ed è proprio Marte, ottava inferiore di Plutone, che può giocare un ruolo determinante in questo processo di trasformazione. Marte rappresenta il modo in cui scegliamo di mettere in atto il cambiamento chiesto dalla nostra anima (Plutone).

Marte in Capricorno (che il 18 marzo, quando anche la Luna era nel segno, si trovava proprio a 20°, attivando l’Eclissi del 10 gennaio scorso. Leggi qui per approfondire) fornisce energia a coloro che hanno già un buon livello di consapevolezza, e aumenta la capacità di costruire il nuovo paradigma acquariano. Siamo tutti connessi e dobbiamo imparare a vivere con compassione reciproca, con equanimità e rispetto tra noi e nei riguardi della Terra.

Ma in coloro che si trovano a un livello evolutivo più basso, Marte in Capricorno attiva un tipo di energia aggressiva, impositiva, persino violenta, al servizio del vecchio paradigma.

Marte è il signore del Novilunio in Ariete, e sarà più che mai protagonista nel suo stesso segno, per tutta la seconda metà dell’anno, e in particolare durante il moto retrogrado, dal 10 settembre al 14 novembre.

Nel 2020, Marte inizia tre cicli importanti:

  • 20 marzo, giorno dell’Equinozio, con Giove: la congiunzione, a 22° del Capricorno, ha riattivato la grande congiunzione Saturno-Plutone del 12 gennaio scorso (per approfondire leggi qui).
  • 23 marzo, con Plutone, a 24° del Capricorno.
  • 31 marzo, con Saturno, a 0° dell’Aquario.

Deve cambiare il nostro modo di agire. Le nostre scelte e decisioni, dovranno essere sintonizzate con un nuovo sistema di valori, rappresentato da Giove, che farà ben tre congiunzioni con Plutone, la prima delle quali è imminente e avrà luogo il 5 aprile. Ne ho già parlato nell’articolo dedicato a Giove in Capricorno, che ho definito l’onda anomala. Sta a noi, come sempre, decidere se farsi travolgere o imparare a surfare…

E veniamo ora al Novilunio in Ariete: Sole e Luna, maschile e femminile, si uniranno la mattina del 24 marzo, a 4° del segno, congiunti con Chirone, archetipo della ferita, della malattia, del dolore, ma anche della guarigione che passa dalla morte, intesa come trasformazione (trovi in questi articoli il mito e la sua interpretazione: CHIRONE, IL GUARITORE FERITO (prima parte), CHIRONE, IL GUARITORE FERITO – Posizione nelle Case, parte seconda e CHIRONE NEI SEGNI ZODIACALI), e Lilith, archetipo della paura inconscia che non vogliamo contattare, ma anche del grande potere creativo e liberatorio che reca con sé. Inoltre, sono quadrati all’asse dei Nodi, aspetto che rappresenta la diffusione del virus (o della paura, che come abbiamo visto, sono riconducibili allo stesso archetipo).

A proposito di Nodi Lunari, ricordo che sono strettamente connessi con il ciclo delle Eclissi (ne ho parlato qui e qui). Siamo ancora nel periodo di influenza dell’Eclissi del 10 gennaio scorso, e questo ciclo si concluderà a luglio. Ne riparlerò.

Agli inizi di maggio, però, i Nodi Lunari si sposteranno sull’asse Gemelli/Sagittario, che simbolicamente potrebbe rappresentare una maggiore diffusione del virus (Gemelli, segno di aria, legato alla diffusione e al contatto). Per spiegare meglio questa mia affermazione, ricordo che quando si è diffusa l’influenza spagnola, alla fine della Prima Guerra Mondiale, i Nodi erano a 28° dell’asse Gemelli/Sagittario, e quadravano Chirone, a 28° dei Pesci, mentre Plutone era a 3° del Cancro, esattamente dove si trovava il Nodo Nord a metà marzo, quando è stata dichiarata la pandemia. Mi auguro che, quando avverrà il passaggio, la fase critica della malattia sia terminata (cosa che ritengo probabile perché per quella data, si sarà già sciolta la quadratura tra i Nodi e Chirone!), e che l’archetipo si esprima attraverso un nuovo modo di comunicare e con la diffusione di una conoscenza superiore, che sarà il fondamento del sistema di valori della Nuova Era verso la quale stiamo navigando.

A tal proposito, vorrei tornare velocemente sul significato dell’archetipo Aquario/Urano/XI casa.

L’Aquario è il segno più umano, e il suo desiderio è servire e soddisfare le aspettative di tutti. Allo stadio evolutivo più basso, il servizio è finalizzato a soddisfare le richieste della personalità, con azioni superficiali, dispersive ed egocentriche. Nell’individuo evoluto, l’archetipo si esprime invece attraverso un amore puro e potente: il suo scopo è lo sviluppo della coscienza umanitaria. In questo modo, anche grazie all’utilizzo, con discernimento, della scienza e della tecnologia, crea una collettività che è al servizio dell’individuo, e non il contrario, come accade ora.

Spesso l’Aquario, nella visione astrologica tradizionale, viene considerato freddo e distaccato, mentre, a livello dell’anima, il distacco emozionale è la componente necessaria per rendere efficace l’approccio empatico, caratteristica essenziale nelle relazioni di aiuto. Se si vuole davvero aiutare l’altro, non ci si può permettere di essere trascinati nella sua zona d’ombra. L’empatia dell’Aquario evoluto è quindi autentica. Troppe volte, questo termine viene frainteso e abusato. Molte persone si considerano empatiche quando invece sono solo labili, ovvero sensibili al dolore altrui perché stanno proiettando sull’altro le proprie ferite non contattate né elaborate.

Ecco, le ferite. La vulnerabilità. Questa è la destinazione: l’elaborazione dei traumi, individuali e collettivi. I traumi non contattati e non elaborati sono alla base delle nostre scelte disfunzionali, e della nostra incapacità di re-agire alle richieste dell’anima.

Come scrivevo in occasione del Novilunio in Aquario, articolo che ti consiglio di leggere o rileggere ora,

Nella psiche profonda sono custodite le immagini che appartengono a tutte le esperienze dell’anima nelle varie vite e su diversi piani, incluse quelle dei nostri avi, poiché non scegliamo a caso la famiglia in cui ci incarniamo. (A questo proposito, magari possono interessarti questi video in cui parlo di astropsicogenealogia.)
E quelle immagini vanno pacificate. Se non lo facciamo, saremo sempre condizionati dalle ferite che l’anima ha portato con sé in questo spazio/tempo.

Pur di non scendere da Ade, credendo di poter sfuggire al dolore, abbiamo costruito una maschera (la personalità) che ci ha tenuti separati dall’essenza, e ci ha resi prigionieri dell’ego e della mente inferiore, generando una società dominata dall’intelletto, dalla razionalità, dall’opportunismo e dal materialismo, nella quale intuizione e compassione faticano a esprimersi.

Un forte trauma collettivo, come quello che stiamo vivendo, sta tentando di risvegliare le nostre coscienze. Succede sempre così: un nuovo trauma ne risveglia un altro, più antico, per guarirlo definitivamente.

Ognuno di noi è adesso di fronte a sé stesso, e ha il compito di onorare le proprie ferite, di accoglierle con compassione. L’isolamento forzato, il distacco, il silenzio, agiranno come detonatori di molti cambiamenti che finora abbiamo evitato. Le relazioni fondate sulla paura della solitudine e del giudizio, sull’immaturità emotiva, sulla ricerca di prestigio sociale o sicurezza economica, saranno messe a dura prova. Le scelte fatte a causa di condizionamenti inconsci, anche transgenerazionali, mai contattati, vorranno essere riviste. Decisioni finora considerate irrevocabili potranno essere cambiate, alla luce di una nuova presa di coscienza. Siamo spinti con forza a scendere da Ade, chiamati a gran voce dall’invisibile, dall’Anima, il sentiero che dalla materia conduce allo Spirito.

Niente sarà più come prima. Per fortuna.

Buon viaggio a tutti noi. Con Amore,

Roberta

P.S. Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, e desideri conoscere gli strumenti del counseling che utilizzo per fare anima, scrivimi: roberta.turci@gmail.com Sono a disposizione per colloqui telefonici o via Skype.