SIMON LE BON: DUE MOMENTI SIGNIFICATIVI DELLA SUA VITA

Sempre a proposito della mia band preferita e del suo cantante, Simon Le Bon, ora prendiamo due date significative della sua vita e carriera ed analizziamole.

La prima è il giorno dell’audizione a cui partecipò per essere ingaggiato come cantante della band.

Era il 13 maggio 1980 a Birmingham, in Inghilterra. La band, formata inizialmente dal tastierista Nick Rhodes e dal bassista John Taylor , vecchi compagni di scuola (a cui si aggiunsero gli altri 2 Taylor, rispettivamente Andy alla chitarra e Roger alla batteria) esisteva già dal ’78, ma mancava il cantante. Quello è quindi il giorno in cui i Duran Duran furono per la prima volta tutti insieme e quindi si può considerare la data di nascita della band nella sua formazione storica.

Vediamo i transiti di quel giorno (vedete tema del giorno qui allegato):

C’era uno stellium in Toro al MC di Simon : Sole e Mercurio celesti erano a 22° Toro, congiunti al MC di Simon e opposti al suo Mercurio natale, mentre la Luna era anch’essa in Toro quindi nella sua 10°. Venere era in 12° a 0° Cancro, trigona al Sole, a Venere e a Nettuno natali del cantante nonché sestile al Plutone natale. Marte era congiunto a Giove nei primi gradi della Vergine e insieme davano sestile a Sole/Venere/Nettuno 5° dalla 3° casa, davano trigono alla Luna 11° ma quadravano il Marte natale in 11°. Saturno era in Vergine in 3° e dava invece sestile a Mercurio 5° ma quadrava Saturno natale in 6°. Urano era nella 5° casa del cantante ma senza aspetti. Nettuno a 22° Sagittario era congiunto al Saturno 6° del Le Bon. Plutone in Bilancia era nella 4° casa di Simon senza fare aspetti.

Da ciò cosa si evince?

Direi che i transiti sono abbastanza parlanti: dallo stellium al MC, ai buoni aspetti che toccavano i pianeti in 5° del cantante, dalla spinta di Marte e Giove celesti, all’ottimo consolidamento che Saturno operava su Mercurio (l’amicizia molto profonda che c’è tra i membri dei DD e non ha mai smesso di esistere). E soprattutto il Nettuno di transito nella sua 6° casa, che andando a congiungersi a Saturno natale faceva fuoriuscire e consolidare il suo talento forse fino ad allora nascosto. Simon, infatti, in gioventù studiò recitazione e, inizialmente, si dedicò al teatro. Più che come cantante, si cimentò soprattutto come paroliere …Si dice, infatti, che arrivò all’audizione con una tutina rosa leopardata in perfetto stile scorpionico e con un quaderno pieno delle sue liriche scritte a mano che ovviamente conserva tuttora.

La seconda è la data in cui Simon ebbe un incidente durante una regata con la sua barca a vela e rischiò di morire (si salvò per miracolo, la notizia venne trasmessa anche in TV). Era l’11 agosto dell’85 al largo di Falmouth (Cornovaglia). Innanzitutto, il suo amore per la barca a vela è visibile dalla congiunzione Sole, Mercurio e Nettuno in 5° (lo sport che implica spostamenti in acqua). In quel giorno, Simon aveva i seguenti transiti:

Sole 2° quadrato a Mercurio 5°

Luna congiunta a marte 11° e opposta a saturno 6°

Mercurio 2° quadrato a mercurio 5°e congiunto a urano 2°

Venere 12° sestile alla luna 11° ed in trigono esatto a Giove 5° (l’hanno salvato)

Marte 2° quadrato a Giove 5° e congiunto a Urano 2°

Giove 8° quadrato a Giove 5°

Saturno congiunto a Mercurio in 5°

Urano 6° trigono ad Urano 2°

Nettuno 6° sestile a Venere 5° (l’ha salvato)

Quindi:

–          il suo Mercurio 5° riceveva la quadratura esatta sia del Sole che di Mercurio, nonché la congiunzione di Saturno

–          la Luna era in Gemelli e dalla sua 12° si congiungeva al suo Marte 11° e opponeva il suo Saturno 6°

–          il suo Giove 5° riceveva le quadrature sia di Marte che di Giove

–          sia Marte che Mercurio celesti erano congiunti all’ Urano di Simon ed erano quindi ancora più potenti

Cosa successe? La barca si rovesciò e lui e l’equipaggio rimasero sott’acqua per venti minuti, prima dell’arrivo dei soccorsi. Si salvò perché all’interno dell’imbarcazione si formò una bolla d’aria che gli permise di sopravvivere.

Astrologicamente parlando, perché si è salvato? Perché Venere dalla 12° gli dava contemporaneamente sestile alla Luna e trigono esatto a Giove 5° mentre Nettuno era sestile a Venere.

Tra l’altro, gli stessi transiti positivi di Venere facilitarono così anche il suo riavvicinamento con Yasmin, sua attuale moglie da 25 anni. Prima della regata e dell’incidente, lui e Yasmin (che erano già fidanzati) si erano temporaneamente lasciati. Quando lei apprese la notizia dell’incidente, si mise in macchina e guidò per ore per correre da lui. Quando lui arrivò sano e salvo in porto, trovò lei ad aspettarlo. E, da quel momento in poi,  non si sono più lasciati.

A partire da quest’anno, quando Saturno (stavolta da solo) sarà in transito nel segno dello Scorpione e quindi nuovamente nella sua 5° casa sopra al suo fortissimo stellium, cosa succederà a Simon? Avrà un momento difficile, forse una crisi con Yasmin (anche lei è del segno dello Scorpione)? Gli stessi transiti che hanno consolidato il loro amore negli anni 80, potrebbero ora metterlo in crisi ? Sembra possibile, anche perché, tra l’altro, Saturno in Scorpione si congiungerà alla sua Venere e opporrà la sua Luna . Le ipotesi sono molteplici  ma considerata la concentrazione di pianeti in un’unica casa, si può anche ipotizzare che tanti pianeti insieme possano fare da scudo e resistere quindi al severissimo Saturno.

E che ne sarà dei Duran Duran, la band attualmente composta da 4 dei 5 membri originari?

Difficile formulare delle ipotesi univoche. Per il momento, limitiamoci a goderci i loro ultimi successi.

Ilaria Castelli

BIBLIOGRAFIA

–          “Duran Duran 1981-2006 Glam Pop Party” – M. Santone, D’Antonio – Editori Riuniti

–          “Notorious: the unauthorized biography” – S. Malins- Andrè Deutsch Carlton Publishing- 2005

–          PIX – mensile di attualità musicale – n° 3 giugno ‘85

Annunci

SATURNO STA PER ENTRARE NEL SEGNO DELLO SCORPIONE: CHE EFFETTI AVRA’ QUESTO TRANSITO?

Il 5 ottobre 2012, il rigorosissimo Saturno lascerà definitivamente il Segno della Bilancia, dove si è trattenuto per circa due anni e mezzo, per fare il suo ingresso trionfale nel Segno dello Scorpione.

Quali saranno gli effetti di questo transito? Ed è davvero così temibile questo pianeta?

A mio avviso, assolutamente no. E’ vero che Saturno è il pianeta delle prove, del rigore, della razionalità e i suoi passaggi non indicano mai, per chi li riceve, momenti di spensieratezza e leggerezza, però non va assolutamente vissuto come uno spauracchio o come un castigamatti. Tutt’altro.

Saturno ci insegna sempre qualcosa: i suoi transiti coincidono sempre con momenti di profonda crescita e maturazione ed è quindi da considerarsi come un pianeta positivo. Severo ma positivo. E’ ovvio che i processi di crescita e maturazione richiedono sempre uno sforzo e non sono sempre indolori ma è molto importante avere bene in vista l’obiettivo finale. Saturno è come un vecchio insegnante saggio: ci dà gli input per imparare la lezione e vivere meglio. Immaginate di dover superare un esame di matematica: è ovvio che sarà necessario studiare, applicarsi, fare molti esercizi. Ecco, Saturno è il prof. severo che vi riempie di esercizi. Se vi impegnate, passerete l’esame nel migliore dei modi. E’ chiaro che se, al contrario, non studierete a dovere, verrete bocciati. E’ questo il punto: Saturno va ascoltato ed assecondato sempre, questo è il segreto per farselo amico  🙂

Quali saranno dunque gli effetti del suo passaggio nello Scorpione?

Ritengo che sarà un transito particolarmente positivo e costruttivo per tutti i Segni d’acqua (Cancro, Scorpione e Pesci) dato che è molto ben sostenuto sia dal sestile con Plutone che dal trigono con Nettuno e, nel 2013, anche dallo splendido trigono con Giove che transiterà nel Segno del Cancro. Pesci, Scorpione e Cancro vivranno dunque una fase particolarmente benevola. I Segni che invece dovranno mettersi particolarmente in discussione e accettare la sfida di questo passaggio sono Acquario, Toro e Leone.

Ma li vedremo meglio nel dettaglio nella prossima puntata.

Stay tuned!

Ilaria Castelli

EQUINOZIO d’AUTUNNO di Maddalena

Sabato 22 alle 16.50 (14.49 UTC) il Sole, attraversando, nel suo moto apparente, il punto d’intersezione tra l’eclittica e l’equatore celeste determina l’Equinozio d’Autunno. In astrologia il Sole entra nel segno della Bilancia!

Il termine Equinozio deriva dal latino equi-noctis a significare l’eguale durata delle ore di luce/buio, determinando, nel nostro emisfero, l’inizio dell’autunno e nell’emisfero australe, ovviamente, la fine dell’inverno e l’inizio della primavera.

Quello che emerge dal Tema dell’Equinozio rispecchia in pieno quello che si sta verificando in questo periodo nella nostra società: insomma il conflitto tra il Capitale (finanza e politica) ed il mondo del lavoro si intensifica, aumentano le frustrazioni, ma l’ inefficienza e la  disorganizzazione sembrano voler sopprimere ogni tentativo di cambiamento. Rallentano o diminuiscono le entrate (quando ci sono) ed aumentano le spese per tasse ed assicurazioni . Le famiglie devono finanziare i figli che non trovano lavoro e cercano di difendere ciò che avevano costruito in precedenza. Le azioni intraprese si rivelano velleitarie ed incapaci di raggiungere gli obiettivi.

In tutto questo si inserisce il trigono Saturno Nettuno, che perdurerà, con intervalli, per molti mesi.

L’effetto di questo transito sembra essere quella di cambiare le funzioni precedenti. L’ultima volta si è verificato negli anni 1929/1930 quando ci fu un’altra grave crisi economica. La freddezza della logica impone un freno alle illusioni  e ci costringe a prendere coscienza di quanto accade. Nettuno tende a rendere le idee vaghe e fumose che, aggiunte alla determinazione saturnina, possono esplodere in atteggiamenti fanatici.  Il prossimo ingresso di Saturno nel segno plutoniano dello Scorpione potrebbe esprimersi, appunto, con atteggiamenti di grande intransigenza religiosa,  soprattutto da parte dei popoli Islamici.

In tutto questo le Borse non sono favorite (il Sole transita in opposizione alle principali Borse internazionali), Marte suggerisce prudenza,  Mercurio cerca di mitigare la situazione… e Venere e Giove ci fanno desiderare di tornare in vacanza…

Per i pagani questa è la seconda festa del raccolto: Mabon. Proserpina si prepara per  la discesa agli Inferi, lascia la madre  Demetra e va da Ade.

Questo passaggio da una stagione ad un’altra ci porta a riflettere, possiamo fare un bilancio dell’anno trascorso, cosa abbiamo ottenuto, cosa riusciamo a conservare. E’il momento di ringraziare gli Dei e la Natura di quello che ci ha dato, del raccolto che siamo riusciti ad avere, metaforico e non.

Festeggiamo questo momento con una cena particolare, mettiamo in tavola zuppe di cereali, zucchine al forno, e dolci con uva o fichi. Facciamoci un centrotavola con  foglie di quercia, castagne, magari ancora nei loro ricci, e delle noci. Accendiamo delle candele e godiamoci la presenza dei nostri cari, coloro a cui vogliamo bene… e cominciamo a programmare il nostro raccolto dell’anno prossimo.

A tutti buona festa del raccolto,  felice Mabon!

Maddalena

Welcome!!!

“L’universale e il particolare coincidono: il particolare è l’universale che si manifesta in condizioni diverse”

                                                                                                                                                 J.W.Goethe

L’Astro nella Manica nasce da un’idea e da un sogno nel cassetto di Ilaria Castelli (Sagittario Asc. Scorpione) che diventa realtà nel gennaio 2011 sul portale Libero.it, grazie alla condivisione con Maddalena Geminiani (Pesci Asc. Sagittario) e con altre compagne di merende astrologiche. E’ un progetto tutto al femminile:  come molti di voi già sanno, i nostri destini si sono incrociati durante il percorso di studi e approfondimenti tenuti dall’affermatissima astrologa Franca Mazzei che affettuosamente ringraziamo. Oggi, ad un anno e mezzo circa dalla sua nascita, il nostro blog ha ormai un discreto seguito perciò abbiamo deciso di traslocare su questo portale che sembra essere più “user friendly” ; ovviamente, trasferiamo insieme a noi e al nostro spirito acquariano che è l’imprinting del progetto, gli oltre 30.000 accessi al blog precedente: ebbene, in ognuno di quei click c’è un pezzettino della nostra anima!

 Per questo, voglio ringraziare tutti voi, cari lettori per la fedeltà e la fiducia che ci avete sempre accordato. Continuate a seguirci perchè continueremo a decifrare insieme quella moltitudine di simboli meravigliosi che è l’astrologia e a dipingere a pennellate più o meno marcate la nostra vita quotidiana dal punto di vista astrologico. Si parlerà quindi di sentimenti, eros, bellezza, psiche, musica, libri, perfino di delitti!

Mi sembra doveroso ringraziare tutte le colleghe che hanno collaborato in questo sito in questo suo primo anno e mezzo di attività: Elena Cartotto, Daniela Quadrante e Liliana Vanzini. Ringrazio anche Francesco Maggioni, il nostro ormai prezioso consulente (sperando sempre che prevalga il suo lato Gemelli e che scompaia il suo puntigliosissimo ascendente Vergine!)

 E ora via…diamo una bella rimescolata al mazzo e iniziamo questa nuova avventura.

E che le nostre amate stelle ci siano propizie 🙂

Ilaria Castelli

L’Astro nella Manica