Un altro caso di femminicidio: Sara Di Pietrantoni

324264-thumb-social-play-nsaradipietrantoni1
E’ tanto che abdico dal mio ruolo di Astro-detective ma quest’anno preferisco rimanere sintonizzata su eventi più allegri e piacevoli dato che siamo già sufficientemente bombardati da notizie pesanti che abbassano l’umore generale.
In questi giorni però c’è una vicenda che mi ha colpito particolarmente e che ha fatto molto parlare di sè ed è quella di Sara Di Pietrantoni, la ragazza morta bruciata viva dal suo ex fidanzato Vincenzo Paduano.
Esaminando il Tema Natale di Sara, non ho riscontrato molti elementi che lasciavano presupporre una fine come la sua. Indubbiamente era una ragazza che poteva rientrare nella casistica da me analizzata quando insieme alla mia fedele socia Maddalena abbiamo presentato la ricerca sul femminicidio al Congresso di Astrologia Morpurghiana nel 2011: era una tipa semplice, acqua e sapone, tranquilla e senza grilli per la testa come vogliono il suo Sole e la sua Venere Toro, forse un pochino sognatrice ed idealista nelle faccende di cuore ma chi non lo è alla sua età?
Certo, la sua stima di sè lasciava un pò a desiderare (Luna quadrata a Venere e Venere opposta a Plutone) e forse era una giovane donna ancora alla ricerca della sua vera strada che necessitava di ricevere molte conferme dal maschile.
L’aspetto cruciale del suo Tema, se vogliamo trovare una spiegazione astrologica a questa tragica storia,  sembra essere quel suo trigono natale tra Marte in Ariete e Plutone in Scorpione, tra la terza e l’undicesima casa, potente più di una bomba: avrebbe potuto usufruirne lei di tutta quell’energia, utilizzarla per creare, per portare avanti un progetto personale, perfino per manipolare gli altri a suo piacimento. Invece no, la povera Sara ha preferito subirla la potenza di quell’energia.
astro_w2gw_05_sara_di_pietrantoni.37521.26485
Molto hanno giocato anche i transiti in questa triste vicenda. Marte di transito congiunto al suo Plutone natale ha letteralmente acceso il suo trigono radicale : già, il fuoco arriva proprio da lì. 
Mi colpisce come anche lei, come altre donne assassinate, a livello karmico avesse Giove e Plutone retrogradi, ad indicare prove pesantissime da affrontare in questa incarnazione e soprattutto il fatto di non aver forse fatto tesoro delle esperienze delle vite passate. Povera Sara. Giove retrogrado in 10° mi fa pensare anche che uno dei suoi obiettivi in questa vita fosse proprio quello di raggiungere una totale autonomia, di pensiero, di parola, di azione.E ci ha provato in tutti modi: voleva essere libera Sara, di amare chi voleva e di decidere la sua vita come voleva ma purtroppo si è scontrata con uno di quei tanti “maschi” non evoluti che sono in circolazione che di accettare l’autonomia femminile non ne vogliono proprio sapere.
E’ quasi un appello disperato quello che si legge su Facebook in questi giorni e mi ci unisco anch’io: 70 anni fa le donne in Italia hanno acquisito il diritto di voto. Ora, nel 2016, noi tutte vorremmo poter acquisire anche quello di lasciare il fidanzato senza morire ammazzate. Grazie.
Alla prossima
Ilaria Castelli
La vostra Astro-detective

IL DELITTO DI ELENA CESTE – SECONDA PUNTATA

Elena-Ceste-Michele-Buonincorti1

A distanza di qualche settimana dalla prima puntata, oggi torno a voi per concludere l’analisi di questo caso. In questo lasso di tempo, da buona Astro-detective, indagando sono riuscita a scoprire i dati del marito di Elena, il buon (mica tanto!) Michele Buoninconti che come abbiamo già detto nella puntata precedente è anche il suo presunto assassino. Il tema non è domificato dato che l’ora di nascita è sconosciuta.

astro_2at_04_michele_buoninconti.53602.35996

Nell’analizzare il suo TN, quello che balza subito all’occhio è il carattere un pò patriarcale e un pochino ottuso di quest’uomo che ha il Sole in Leone trigono a Marte e un Saturno quadrato a Mercurio che mi parla – appunto – di scarsissima apertura mentale. Inoltre, il Leone è notoriamente egocentrico perciò può darsi che l’uomo interpretasse il legittimo desiderio di libertà della moglie come una sorta di colpevole sottrazione di luce ed attenzione al suo ego megalomane mentre lui avrebbe desiderato che lei si dedicasse solo ed esclusivamente a lui e alla sua famiglia. L’idea che mi sono fatta dalla semplice analisi del Tema di Michele è che l’uomo sia indubbiamente aggressivo ed indubbiamente limitato però quella sua congiunzione tra Plutone ed Urano natali mi fa ritenere che la mattina dell’omicidio si sia trattato di un raptus che in altre circostanze avrebbe potuto anche non accadere. La morte di Elena Ceste poteva benissimo essere evitata perchè quel disgraziato di Michele Buoninconti ha ucciso la moglie (se l’ha uccisa) in preda al raptus di un momento. Questo delitto è frutto della pura e semplice ignoranza. Successivamente, per deformazione professionale, mi è venuto subito spontaneo confrontare il Tema di Michele con quello della moglie Elena per disegnare una benchè minima sinastria di coppia. E’ interessante notare che il collante tra i due, ciò che li ha legati e li ha condotti al matrimonio durato tanti anni è stata l’attrazione fisica : la Venere di lei che si congiunge al Marte di lui è un aspetto quasi da manuale per quanto è bello. E ancora: la Venere di lei trigona il Sole di lui. Tuttavia, questi due aspetti, da soli, non sono di certo sufficienti a far funzionare veramente una relazione al di fuori del talamo, soprattutto se il resto della sinastria è un totale disastro ed evidenzia quadrature e aspetti davvero pesanti come in questo caso. Infatti, il Saturno di lui oppone sia Marte che Urano di lei, indice di un grosso freno alla personalità ed esuberanza della giovane donna: lui la bloccava, le impediva di vivere e, di conseguenza, di evolversi. Altri aspetti di forte contrasto sono, per esempio, la quadratura dell’Urano di lei al Sole di lui o la congiunzione del Marte di lui con la Luna di lei: troppa aggressività in questa coppia, nessun dialogo, troppe incomprensioni, troppo controllo da parte di Michele. Era una relazione che non poteva portarli da nessuna parte perchè si impedivano a vicenda di crescere.

astro_2at_01_omicidio_elena_ceste.69406.58270

E veniamo ora ai transiti del giorno dell’omicidio che sembrano più parlanti nel TN di Elena che non in quello di Michele. A dirla tutta, non erano poi così tremendi, soprattutto nel TN di lui che aveva addirittura dei transiti positivi su Venere (il trigono di Marte e quello di Mercurio) a sottolineare come forse per lui questo omicidio abbia rappresentato perfino una liberazione dall’incubo di una moglie a suo dire troppo indisciplinata. Sì certo, aveva la quadratura dello stesso Marte di transito alla sua Luna natale (oltre alla quadratura sia del Sole che della Luna di transito al suo Sole) perciò l’esplosione di rabbia è verosimile. Ma, tutto sommato, non sono transiti così tremendi, sia che sia lui l’assassino, sia che non lo sia. C’era perfino Saturno che gli dava trigono alla Luna: la morte di Elena per lui è stata la fine di un incubo. O perlomeno, questa è la mia interpretazione. Leggermente più significativi i transiti nel TN di lei: il Marte di transito viaggiava nella sua 12° casa mentre Urano andava ad opporsi al suo Plutone in 11°a rimarcare che quella di Elena e’ stata una morte improvvisa e inaspettata un pò per tutti. Il Sole di transito andava ad opporre sia il Sole che Urano natali della giovane donna mentre la Luna si congiungeva agli stessi e al Nodo Nord. Se poi osserviamo il cielo di Costigliole d’Asti quel giorno all’ora dell’omicidio restiamo senza parole: lo stellium in 8° casa con Saturno, Marte e la Luna congiunta al Nodo Nord da soli sembrano urlare a piena voce. Il dado è tratto. Ai posteri l’ardua sentenza.

Alla prossima!

Ilaria Castelli

L’Astro-detective

IL DELITTO DI ELENA CESTE

“In 18 anni non sono riuscito a raddrizzarla“. Così dichiara Michele Buoninconti, marito di Elena Ceste, la casalinga 38 enne di Costigliole d’Asti scomparsa nel gennaio 2014 e trovata morta assassinata 10 mesi dopo nei pressi del rio Mersa, a 2 km dalla sua abitazione.
Ci troviamo di fronte all’ennesimo caso di femminicidio: infatti, il marito ora si trova in carcere con l’accusa di omicidio. Questa storia ha dell’ incredibile considerando che è ambientata nel 2015.
Timorata di Dio, casalinga e madre di 4 figli, la vita della povera Elena si divideva tra casa, chiesa e merende dei bambini, totalmente sottomessa al volere del marito-padrone Michele. “Mia moglie non usciva mai, solo per andare a fare la spesa e ad accompagnare i nostri figli a scuola” – è una delle tante ed allucinanti dichiarazioni dell’uomo che servono a dipingere un quadretto della vita quotidiana della vittima.
Torinese di nascita, la giovane Elena aveva lasciato città e lavoro per seguire il suo Michele nel paesino dell’astigiano dove si dedicava esclusivamente alla gestione della famiglia: una vita semplice, senza pretese. elena-ceste
Ed è’ per questo che forse, ad un certo punto, la giovane donna, Scorpione con il Sole congiunto a Marte ed Urano, ha cominciato a sentirsi troppo stretta, confinata in quell’esistenza marginale più adatta ad una Cenerentola del 1500 che non ad una donna del 2000; ed ecco che allora, spinta dal suo trasgressivo stellium in Scorpione, ha cominciato a cercare l’evasione attraverso Internet e le chat. Ha allacciato dei contatti con degli uomini, forse con qualcuno si è spinta un pochino oltre e la chat ha finito per accendere le lucine rosse. Chissà… forse con quella Luna congiunta a Venere e Nettuno in Sagittario, la povera Elena sognava qualcuno che potesse salvarla e portarla lontano da quel focolare domestico e da quel marito violento e aggressivo.
Non so se Elena abbia ceduto o meno alla tentazione di tradire Michele:osservando il suo Tema Natale sicuramente posso dire che, dietro a quell’aria angelica da santarellina, avrebbe potuto tranquillamente celarsi lo spirito trasgressivo tipico dei suoi valori scorpionici per giunta accompagnati da quelli femminili in Sagittario che, in quanto a voglia di libertà e di evasione, non sono secondi a nessuno . Poco importa, ormai. Se anche avesse tradito Michele, niente giustifica il suo omicidio.
Sicuramente la 38enne astigiana ha peccato di ingenuità (come vuole la sua congiunzione Luna/Venere in Sagittario) nel momento in cui ha confidato i suoi pseudo-tradimenti virtuali al marito aguzzino che evidentemente a quel punto deve aver pensato che, se non era in grado di raddrizzarla e tenerla sotto controllo, doveva eliminarla.
Purtroppo, non ho i dati di Michele perchè sarebbe stato interessante analizzare il suo Tema.
Ad ogni modo, ricordiamoci che in un Tema Natale femminile, il Sole e Marte rappresentano anche il tipo di uomo con cui andare a confrontarsi (il marito, il padre, le figure maschili importanti); nel caso di Elena, il suo Sole in Scorpione congiunto a Marte ed Urano all’Ascendente rappresenta anche e soprattutto il suo uomo, il suo Michele: violento, aggressivo in modo esplosivo, con la volontà di esercitare un controllo totale su di lei.
Se continuiamo l’analisi del TN della Ceste, troviamo altre conferme a quanto è avvenuto; per esempio, il Plutone in 11° casa ci parla di morte improvvisa avvenuta in circostanze alquanto singolari mentre Saturno al MC ci spiega come la giovane donna abbia raggiunto il massimo della popolarità grazie ad un evento nefasto (il suo omicidio).
Se poi andiamo ad analizzare il Tema dal punto di vista karmico, Elena sembra portarsi dietro un fardello non facilissimo da superare: Giove retrogrado in 7° casa opposto alla sua congiunzione Luna/Venere le imponeva un obiettivo ambizioso e cioè quello di accontentarsi di quel matrimonio senza gioie in cui il massimo dell’evasione consisteva nell’uscire in cortile a dare da mangiare alle oche. Ebbene sì, avrebbe dovuto accontentarsi: così dice il karma, anche se -sono sincera – personalmente non mi sento di biasimarla se non ci è riuscita.
Michele ora si trova in carcere e continua a negare la sua colpevolezza; ad incastrarlo, una lunga serie di intercettazioni dalle quali emerge una personalità parecchio disturbata e delirante. Innumerevoli i discorsi strampalati e al limite della follia che faceva ai 4 figli, era arrivato perfino a minacciarli di fare la stessa fine della madre; devo confessare che provo un senso di pena profonda per questi 4 poveretti rimasti orfani e vittime di questa doppia disgrazia.
In conclusione, visto che Michele rimpiange di non essere riuscito a raddrizzare Elena, quello che tutti ci auguriamo è che ora ci pensi il carcere a raddrizzare lui 😉
Nella prossima puntata i transiti del giorno dell’omicidio
Ilaria Castelli
L’astro-detective

I TRANSITI DELL’OMICIDIO DI YARA GAMBIRASIO – DI ILARIA CASTELLI

Yara Gambirasio è stata aggredita ed uccisa la sera del 26 novembre 2010 (ora approssimativa dell’aggressione: le 19 di sera, poco prima). Secondo i colleghi del cantiere di Mapello, quel giorno Bossetti non si presentò al lavoro: chissà… probabilmente doveva organizzare l’agguato che dunque si può dedurre sia stato premeditato.

astro_2at_05_omicidio_yara.63387.14418

Ma andiamo subito ad analizzare cosa succedeva nel cielo di quella sfortunatissima sera: innanzitutto, protagonista indiscusso era lo stellium nel Segno del Sagittario dove si trovavano Sole, Marte e Mercurio che, insieme a Plutone nei primi gradi del Capricorno, andavano a cadere nella casa quinta del presunto assassino. Il famigerato stellium, tra l’altro, trasmetteva trigoni e sestili a tutto spiano ai pianeti personali del Bossetti: cosa vuol dire? Significa che il nostro indagato in quei giorni si era, a suo modo, innamorato, invaghito, preso una cotta di quelle incontenibili. E malate ovviamente, dato che non si può certo parlar d’amore, a questa stregua.  Inoltre, Giove ed Urano di transito davano ulteriore man forte al quadretto già descritto dato che si trovavano in esatto trigono alla Venere del Bossetti: era bello carico il nostro bel muratore! E privo di freni inibitori. Paradossalmente, fosse venuto da me per un consulto, probabilmente gli avrei prospettato un periodo fortunato in amore J: è questo il bello dell’astrologia! Noi riceviamo le energie celesti ma poi sta a noi impiegarle nella giusta direzione. Anyway, prendersi una cotta per una tredicenne fino al punto di doverla “possedere” a tutti i costi non è esattamente la “giusta direzione” che intendo io 🙂

Ma non è tutto. Il tema del Bossetti riceveva anche nientepopodimeno che, nell’ordine:

  • il sestile di Plutone al suo Sole (che alimentava spasmodicamente i suoi impulsi e desideri sessuali)
  • il sestile di Marte alla sua Luna natale e il sestile del Sole di transito sul suo Marte natale (idem come sopra, aggressività e istinti a gogò)

Cronaca di una morte astrologicamente annunciata? Direi che abbiamo elementi sufficienti per poterlo presagire. Molto probabilmente, l’uomo non voleva uccidere la ragazzina ma la situazione gli è sfuggita di mano: sicuramente DOVEVA averla e non ha ragionato sulle conseguenze.

Per concludere il quadro, è interessante osservare anche il transito di Saturno che, al momento dell’omicidio, viaggiava congiunto alla sua Luna natale in 3° : esso non rappresenta solo la perdita della ragazzina (la sua adolescente preferita) per mano sua ma getta le basi di una verità sconvolgente riguardo a sua madre (la Luna simboleggia anche la madre). Molto probabilmente, se Bossetti non avesse compiuto questo gesto efferato, non avrebbe mai scoperto la verità nascosta ne  l’identità del suo vero padre. Per essere ancora più precisi, l’intera vicenda è venuta alla galla durante la fase di prelievo del DNA a Brembate e dintorni, in concomitanza – guarda caso – con il transito di Saturno nel Segno dello Scorpione proprio in congiunzione al Sole (padre) di Bossetti. I nodi – si sa – vengono sempre al pettine. E Saturno in questo senso non perdona di certo.

Che altro aggiungere?

Un caso elementare… e  non solo per Watson. 🙂

La vostra Astro-detective

Massimo Bossetti e il delitto di Yara Gambirasio – di Ilaria Castelli

Ormai è parecchio tempo che mi cimento nel ruolo di Astro-detective e ho avuto l’opportunità di visionare una casistica piuttosto ampia di Temi sia di assassini (veri o presunti) che di vittime. Per quanto attraverso la lettura del quadro astrale, io riesca ad entrare nella personalità di chi ho di fronte e a coglierne l’essenza (oltre alle sfaccettature), devo ammettere che spesso mi sono imbattuta in personalità talmente complesse di fronte alle quali esprimere un parere univoco su innocenza o colpevolezza risultava piuttosto arduo per una molteplicità di fattori. D’altra parte, la natura umana a volte è di per se talmente imprevedibile che stabilire con CERTEZZA se un individuo possa o meno essersi macchiato di un delitto è una responsabilità che non sempre sono riuscita a prendermi. Stavolta è diverso. Quando mi sono trovata di fronte al Tema Natale di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio, sono rimasta quasi sbalordita: sono sincera, questo è uno dei pochi casi in cui non mi resta neanche un’ombra di dubbio sulla sua colpevolezza. Astrologicamente parlando, s’intende. Ma non solo. D’altra parte, già i fatti parlano da soli: il suo DNA non può essere finito per caso sulle mutandine della ragazzina, né tantomeno la sua peluria. Il fatto che l’uomo continui a negare l’evidenza e ad arrampicarsi sugli specchi mi sembra fuori da ogni seminato ed infatti l’istanza di scarcerazione presentata dai suoi avvocati è stata respinta: gli indizi a carico dell’uomo sono molteplici .

Dando per assodato che i fatti riguardanti l’omicidio della tredicenne di Brembate ormai li conoscano anche i muri, passo oltre e vado subito a prendere in esame il Tema Natale del suo presunto assassino.

astro_2gw_06_massimo_bossetti.52332.35594

Scorpione Ascendente Leone, quello che balza subito all’occhio analizzando la configurazione planetaria del giovane muratore di Mapello è il suo potente stellium nel Segno dello Scorpione dove si trovano, oltre al Sole, anche Mercurio, Giove, Venere e Nettuno: ci troviamo dunque di fronte ad un individuo totalmente governato dagli istinti e dalle pulsioni, quelle più basse e grette. A parer mio, l’uomo è totalmente incapace di ragionare e controllarsi, è vittima dei suoi impulsi irrefrenabili coadiuvati, in parte, anche dall’astuzia e dalla capacità di nascondersi tipiche del suo Segno. Se non fosse stato per il test del DNA, chi mai avrebbe potuto risalire a lui? Tra l’altro, come se non bastasse, il Bossetti possiede anche un’ inquietante congiunzione tra Marte e Plutone che va nuovamente a ricostruire il Segno dello Scorpione: da brividi. Il fatto, poi, che questa congiunzione si trovi in 3° casa mi conferma inequivocabilmente la tesi che le sue perversioni si orientino prevalentemente verso il mondo degli adolescenti (la terza casa è governata da Mercurio : i teenagers). Questo aspetto dimostra anche che probabilmente lo stesso Bossetti ha un approccio verso il mondo dei sentimenti e della sessualità che è ancora assimilabile a quello di un adolescente, interessato solamente a sfogare i suoi istinti fortissimi e dunque senza freni, ne remore alcune nei confronti dell’oggetto del suo desiderio. Infatti, a pensarci bene, con Yara si è comportato come un ragazzino che compie una marachella: prima ha mangiato la marmellata e poi ha cercato di nascondere il vasetto. A trarre in inganno l’opinione pubblica, la sua Luna in Bilancia che fa sì che all’apparenza l’uomo abbia un aspetto pulito, curato ed insospettabile (ricordiamoci che ogni settimana si recava in un centro estetico situato proprio nei paraggi della palestra e della casa di Yara da cui riusciva forse anche a controllare meglio gli spostamenti della ragazzina): tanto ormai si sa che la famigerata “faccia pulita” è un must di ogni killer che si rispetti :-). E ancora: quel Nettuno in 5° casa mi fa pensare ad una sessualità che si alimenta di fantasia ed idealizzazione (nella migliore delle ipotesi) fino a sfociare nella confusione sulla sua stessa identità, se non addirittura nella follia.
Una curiosità: lo stellium in Scorpione in 4° casa mi ricorda anche il mistero esistente intorno alla sua nascita: pare che, all’epoca, la madre abbia tradito il marito con un autista di pullmann con il quale si recava tutti i giorni al lavoro, tale Giuseppe Guerinoni. Da questa relazione extra –coniugale sono nati Massimo e la sorella gemella (che tra l’altro è la fotocopia del Guerinoni). La madre ovviamente nega ma anche in questo caso il DNA non mente… Interessante riscontrare le tracce di questo tradimento nel Tema dello stesso Bossetti (Marte congiunto a Plutone in 3° casa mi fa pensare appunto ad un tradimento consumato con una persona che si sposta o durante un breve viaggio o spostamento). E poi dicono che nelle valli bergamasche ci si annoia ;-).
In conclusione, il Tema Natale di quest’uomo contiene in se i semi di una tragedia che non coinvolge solo la famiglia Gambirasio ma anche la famiglia attuale di Bossetti nonchè quella di origine dell’uomo stesso. Poi esiste la “sua personale” tragedia, quella con cui dovrà fare i conti per il resto dei suoi giorni.
Dal canto mio, non posso fare altro che avere pietà per la sua anima: giudicarlo e condannarlo non serve né a noi, né a lui, né a far tornare in vita la povera Yara.
Nella prossima puntata, i transiti del giorno dell’omicidio.
A presto!
La vostra Astro-detective

I TRANSITI DELLA NOTTE DELL’OMICIDIO DI MEREDITH KERCHER – 2° PUNTATA

astro_2at_06_omicidio_meredith.33107.12992

Nella puntata precedente, abbiamo analizzato i Temi Natale di Amanda Knox e Raffaele Sollecito e ho espresso francamente le mie perplessità sulla possibilità che siano loro gli assassini di Meredith Kercher, la studentessa inglese assassinata nel 2007 a Perugia (eventualità che tuttavia non mi sento di escludere totalmente). In questa puntata, andremo a collegarci astrologicamente con la notte dell’omicidio per fare ulteriormente luce su questa faccenda che, tra l’altro, in questi giorni, sta continuando a far parlare di sé. A dire il vero,  ogni qual volta seguo una trasmissione TV in cui si discute di questo caso, resto sempre più perplessa (per non dire sbalordita), soprattutto per la superficialità e il pressapochismo con cui vengono condotte le indagini (e con cui si traggono le debite conclusioni). Come ho già avuto modo di dire, trovo più che paradossale che l’unico imputato sicuro che sta già scontando la sua pena in carcere e che non ha mai negato la sua colpevolezza (l’ivoriano Guede) abbia sempre negato la presenza degli altri due. Paradossale non considerare questo come elemento fondamentale nell’indagine. Comunque, aldilà di queste considerazioni, per entrare nel vivo, Meredith è stata uccisa la notte del 1 novembre 2007 intorno alle ore 22.00. Ho provato dunque a costruire il Tema Natale approssimativo dell’omicidio e ho notato subito quanto sia parlante: l’astrologia è davvero pazzesca certe volte! A questo Tema manca solo la parola: infatti, la presenza di Marte beneficato in 12° casa in Cancro mi evidenzia un probabile evento violento che può avere come protagonista un soggetto cancerino (una donna per esempio). Inoltre, troviamo Venere in 3° casa che si oppone ad Urano 9° che sembra chiamare in causa l’estero, uno straniero (o più di uno, come in questo caso) ma anche il mondo universitario, i giovani in generale e, dulcis in fundo, anche i furti (ricordiamoci che Guede entrò nella villetta di via della Pergola per tentare di rubare).  Il Nodo Nord in casa ottava mi conferma che questo evento sanguinoso era scritto nel destino ed è giunto a compimento proprio quella notte, mentre il Nettuno nella stessa casa mi sottolinea la confusione che scaturisce da questa vicenda che probabilmente è destinata a restare per sempre un mistero. Uno dei tanti.

I TRANSITI DELLA NOTTE DELL’OMICIDIO SUL TEMA DI AMANDA

amandaknox

Andiamo ora ad analizzare i transiti dell’ora dell’omicidio sul tema della Knox. I più significativi che ho registrato sono i seguenti:

– il Sole di transito a 9° Scorpione si congiungeva al suo Plutone in 6° casa

– la Luna in Leone di transito era congiunta al suo Marte in 3° (seppure in modo ampio) e quadrava il suo Plutone

– il Marte a 12° Cancro di transito era congiunto al suo Sole in 2°

– il Plutone 27° Sagittario di transito era nella sua 7° trigono al suo Giove in 12°

Cosa possiamo dedurre?

E’ vero che con Marte sul Sole è verosimile che la ragazza potesse avere in serbo una dose massiccia di aggressività che poteva procurarle liti anche furibonde però sicuramente questo transito va contestualizzato; se lo consideriamo insieme agli altri transiti, ritengo che potrebbe essere compatibile anche solamente con la storia passionale con il Sollecito. E’ ovvio però, ancora una volta, che non possiamo escludere che l’entità di questa congiunzione possa aver provocato degli effetti molto peggiori.

I TRANSITI SUL TEMA DI RAFFAELE

raffaele-sollecito-2

Ora esaminiamo come si inseriscono gli stessi transiti sul tema del giovane Raffaele. Eccoli qui di seguito (i più significativi):

– Luna di transito in 8° trigono a Urano in 12°

– Marte di transito in 7° trigono a Venere 3° e opposto a Giove 1°

– Urano di transito esattamente congiunto a Venere 3°

Questi transiti mi parlano indubbiamente di un colpo di fulmine pazzesco che il giovane pugliese ebbe in quei giorni per la Knox: un amore uraniano, di quelli che stravolgono la vita e fanno girare la testa ma sulla cui durata non scommette nessuno. Quando Urano si congiunge a Venere, spesso ci si innamora perdutamente al punto da lasciarsi travolgere completamente e in modo rapidissimo… tuttavia, questi amori così come sono arrivati, così altrettanto rapidamente svaniscono. Sulla colpevolezza di Sollecito non mi resta nemmeno il beneficio del dubbio… sembra quasi uno spettatore di questa vicenda che tocca sicuramente più da vicino la sua giovane amica americana.

Sono sincera: ho visto altri Temi natali di presunti assassini che mi lasciavano molti meno dubbi sulla loro colpevolezza; stavolta, continuo ad essere quasi convinta della loro innocenza. Il “quasi” resta un obbligo anche perché ci tengo a ribadire che il mio è solo un parere come un altro e non ho certo la presunzione che sia quello veritiero ed inequivocabile. Tuttavia, mi sono sbizzarrita ad immaginare degli scenari possibili: per esempio, sempre a rigor di logica, ipotizziamo per assurdo che i due ex fidanzatini fossero sulla scena del delitto e che sia stato effettivamente uno di loro due ad uccidere: l’altro cosa fa ora? Sconta una pena di 25/26 anni di carcere per solidarietà??? Non finirebbe sicuramente per accusare l’altro, il vero assassino? Suvvia,  ma i magistrati ragionano? Tutto l’impianto accusatorio, secondo me, non sta in piedi.

Come andrà a finire questa paradossale vicenda?

Per entrambi, il momento cruciale sarà quando Saturno transiterà nel Segno del Sagittario (tra il 2015 e il 2016): nel tema di Amanda, lo stesso Saturno, Signore della legge e dei tribunali transiterà nella casa 7° (che è appunto quelle delle cause legali) andandosi a congiungere prima alla sua Luna, poi a Saturno e ad Urano e portando quindi al suo culmine questa vicenda (probabile una sentenza definitiva). Non escludo si dibatterà circa la sua possibile estradizione, dato che la ragazza nel frattempo è rimpatriata negli States (Saturno si congiunge alla Luna 7°). La ragazza può comunque contare sempre sulla presenza benevola del suo Giove nella 12° casa che rappresenterà sempre un aiuto nei suoi momenti di estrema difficoltà. Per quanto riguarda Sollecito, lo stesso transito di Saturno in Sagittario per lui si collocherà nella casa 12° (quella delle prove, dei sacrifici e anche del carcere): non escludo dunque che finisca ancora in carcere per un periodo.

Credo che i due ragazzi faticheranno ancora a lungo per dimostrare la loro innocenza: la strada verso la verità probabilmente sarà tortuosa e piena di ostacoli ma se sono innocenti non devono arrendersi. In conclusione, l’unico augurio che nel mio piccolo posso rivolgere a tutti i protagonisti di questa brutta storia è che venga fatta luce e chiarezza e che ogni tassello trovi la sua giusta collocazione.

Ilaria Castelli

L’Astro-detective

AMANDA & RAFFAELE: VITTIME O CARNEFICI?

AMANDA KNOX AND RAFFAELE SOLLECITO-ARRESTED FOR SEX KILLING OF STUDENT MEREDITH KERCHERDopo una lunga assenza, torno in veste di Astro-detective per indagare su un caso che ha creato molto clamore ma su cui restano parecchie zone d’ombra: il delitto di Meredith Kercher, la studentessa inglese assassinata a Perugia. Penso che la vicenda sia nota a tutti: sullo sfondo di una Perugia animata dalla presenza di studenti italiani e stranieri provenienti da ogni parte del mondo, la notte del 1° novembre 2007 Meredith viene trovata assassinata nell’appartamento che condivideva con altre studentesse, tra cui Amanda Knox.  Devo confessare che mi sono documentata molto su questa vicenda e ciò mi ha permesso di farmi dapprima un’idea della situazione indipendentemente da temi natali e transiti. Innanzitutto, il mio acutissimo stellium in Scorpione ha registrato alcune incongruenze: per esempio, mi sono chiesta come mai Rudy Guede, unico condannato sicuro che non ha mai negato la sua colpevolezza e che ora sta scontando la sua pena in carcere non abbia mai accusato i due ex fidanzatini. Il loro ruolo in questo delitto non è ancora stato veramente accertato: chissà quante ore di interrogatorio pressante avrà subìto l’ivoriano! Eppure mai un’accusa nei loro confronti, ha sempre dichiarato che non erano presenti sulla scena del delitto. Non oso immaginare anche quanti sconti di pena avrebbe ottenuto se avesse fatto i due nomi! Niente. Molto strano. E poi la storia del movente inesistente: prima il gioco erotico finito male poi le pulizie di casa. Questa è bella: io credo che manco Rosa Bazzi (la vicina di Erba) con il suo stellium in Vergine avrebbe ucciso qualcuno perchè non puliva il bagno 🙂 .  E l’arma del delitto? Mai stata trovata. Hanno prelevato un coltello tra quelli presenti in casa Knox/Kercher ma la difesa ha dimostrato essere troppo piccolo per essere compatibile con le ferite riportate da Meredith. Inoltre, mentre ovunque sono presenti tracce biologiche e impronte dell’ivoriano, impronte dei due accusati non ce ne sono, a parte qualche contaminazione quà e là (sulle quali stendo un velo pietoso… e mi chiedo se sia mai possibile effettuare i rilievi in un caso di delitto con questa superficialità e questo pressapochismo). A questo punto, mi sembra che l’accusa brancoli nel buio :-). Questi sono i fatti.

Quando poi però, in un secondo momento, ho avuto modo di analizzare i Temi Natali di Amanda e Raffaele, devo ammettere che effettivamente ho riscontrato qualche elemento dubbio che non mi fa affatto escludere completamente che i due possano avere avuto un ruolo in questa storia. Dunque mentre (a mio avviso) i fatti li scagionano perchè prove effettive non ce ne sono, alcuni aspetti dei loro Temi Natali invece remano CONTRO la loro innocenza.

tema natale Amanda Knox

tema natale Amanda Knox

Iniziamo con l’analisi del TN di Amanda Knox, Cancro Ascendente Gemelli. Gli elementi che mi lasciano perplessa sono:

– il trigono tra il suo Mercurio Cancro e il suo diabolico Plutone in Scorpione che mi fanno pensare che quanto a mentire non la batte nessuno. E’ molto abile.

– la quadratura tra lo stesso Plutone Scorpione 6° casa e il suo Marte Leone in 3° casa fa di lei una persona potenzialmente molto aggressiva e con energie poco ben equilibrate anche se credo che tenda ad esplodere più a parole che non altro. In parola povere, ha la lingua tagliente.

– il suo stellium in 7° con Luna congiunta a Saturno mi fa pensare a rapporti difficili con gli altri, in particolare con le donne. E con la legge. Saturno nella casa degli ALTRI predispone ad una forte criticità nei confronti del prossimo che talvolta può sfociare in intolleranza vera e propria. Di lì ad uccidere qualcuno però ce ne passa (parlo per esperienza dato che anch’io ho Saturno in 7° congiunto alla Luna :-)).

tema natale Raffaele Sollecito

tema natale Raffaele Sollecito

Ma veniamo al giovane Raffaele, Ariete Ascendente Sagittario. Così di primo acchito, anche solo da come parla in TV, sembra tutto fuorchè un assassino: il primo aspetto che ha attirato la mia attenzione è stato il suo Giove in 1° casa, per altro congiunto a Nettuno. E’ vero che chi ha Giove 1° spesso è fin troppo sicuro di sè, ma generalmente è un aspetto che conferisce soprattutto grande bonarietà e positività nei confronti degli altri; l’immagine che mostra agli altri è proprio quella del bravo ragazzo dalla faccia pulita e in pace totale con se stesso. Non riesco proprio a figurarmi un assassino con Giove 1°. Tra l’altro, la congiunzione con Nettuno non fa che rafforzare quest’idea (è un aspetto tipico addirittura di molti Papi perchè conferisce una grande spiritualità) al punto che faccio davvero fatica a credere che possa aver compiuto un delitto tanto efferato. Tuttavia, è pur sempre un Ariete con il Sole trigono a Marte (Scorpione, per giunta) e un Plutone Scorpione in 10° casa: dentro di lui l’aggressività c’è, anche se non è visibile ed evidente. Possibile che la Knox l’abbia irretito e scombussolato a livello ormonale al punto da far fuoriuscire queste sue energie nascoste e da farlo coinvolgere in qualche impresa più grande di lui? Non sono in grado di escluderlo, anche se trovo più probabile che i pianeti presenti nei TN dei due traccino questo evento sanguinoso come passaggio molto doloroso e difficile con cui entrambi dovevano scontrarsi durante la loro vita per qualche ragione di tipo evolutivo. Sono onesta: propendo per questo tipo di visione, probabilmente discostandomi dal pensiero di molti miei illustri colleghi e da buona parte dell’opinione pubblica; tuttavia, ci tengo a precisare che il mio è solo un parere come un altro che non vuole assolutamente arrogarsi il diritto di essere ne l’unico, ne l’inequivocabile, ne tanto meno l’assoluta verità. Il bello dell’astrologia è proprio questo.

Dunque ricapitolando dico che, conoscendo solamente i fatti, ero innocentista; dopo aver visto i TN mi resta il beneficio del dubbio. Ricordiamoci comunque che ognuno di noi è innocente finchè non viene dimostrato il contrario: provo un profondo senso di tristezza ogniqualvolta la gente comune punta il dito e si accanisce nei confronti di un accusato di omicidio prima ancora di conoscere il verdetto e la verità dei fatti. A cosa dobbiamo questa cattiveria gratuita? 🙂

Nella prossima puntata, proverò ad analizzare i transiti del giorno dell’omicidio e a formulare le mie previsioni circa il destino Knox/Sollecito che, nel frattempo, sono stati condannati in primo grado, assolti in appello, di nuovo condannati nell’appello-bis… 🙂 E così intanto si gioca con la vita di due ragazzi che, se anche fossero colpevoli, hanno diritto di ricevere un verdetto chiaro ed univoco. In un modo o nell’altro, sicuramente la vera sconfitta di questa vicenda è ancora una volta la giustizia italiana.

Ilaria Castelli

L’Astro-detective

I TRANSITI DEL GIORNO DELL’OMICIDIO DI MELANIA REA

Melania Rea è stata assassinata in provincia di Ascoli Piceno il 18 aprile 2011, approssimativamente intorno alle ore 14.30-15.00. Il cielo di quei giorni era a dir poco inquietante: i pianeti lenti (Plutone, Urano e Saturno, eccezion fatta per Nettuno) facevano a cazzotti tra di loro e, ad aggravare la situazione, c’era un potentissimo stellium in Ariete che contribuiva a quadrare (od opporre) i precedenti…ci sono stati giorni in cui addirittura 7 pianeti su 10 si trovavano in Ariete, il segno più violento e bellicoso che ci sia! Come abbiamo visto, le ripercussioni su società, ambiente, politica, economia e quant’altro non hanno tardato a manifestarsi. Il delitto della povera Melania si colloca all’interno di questo quadretto funesto. Nella prima puntata, abbiamo visto che la giovane donna aveva già di suo un tema natale alquanto disastrato; vediamo, ora, come si collocavano nel suo tema natale i catastrofici transiti di quella giornata:

– lo stellium in Ariete si trovava tra la 6° casa e il DS della giovane donna e andava ad opporre lo stellium natale in 12°: in particolare, Marte a 12° Ariete (così come Giove a 19° e a Mercurio a 13°Ariete) andavano ad opporre il Saturno natale della Rea in 12° casa. Contemporaneamente, il Saturno di transito a 12° Bilancia si congiungeva al suo Saturno natale mentre il Sole di transito a 28° Ariete dalla 7° le opponeva Plutone radicale in 12°. Melania, se non fosse stata uccisa, avrebbe dovuto essere operata da lì a poco: l’opposizione dei pianeti di transito in 6° con quelli radicali in 12° presupponeva sicuramente che potessero verificarsi problemi di salute e chiamavano in causa ospedali e interventi chirurgici. Invece, la Rea è stata uccisa e quindi questi inquietanti transiti hanno preso una piega decisamente più macabra (ricordiamo che la 12° è la casa dei sacrifici, degli eventi fuori dalla norma).

– Il transito forse più pericoloso era però l’opposizione di Urano di transito a 2° Ariete dalla sua 6° casa al suo Marte natale in 12°: indubbiamente, l’aggressività insita in questo passaggio planetario era altamente esplosiva! Sicuramente, con un transito simile, i litigi col coniuge non hanno tardato a manifestarsi. Perché col coniuge? Perché Marte, per una donna, simboleggia prima di tutto il compagno, la controparte maschile, anche se può simboleggiare, in alternativa, una figura maschile di riferimento, o comunque l’uomo o il maschio in generale.

– Contemporaneamente, Nettuno a 0° Pesci sulla cuspide della sua 5° casa era quadrato al suo Sole 8°: una certa mancanza di lucidità della giovane Melania che si è ingenuamente fidata del suo assassino? Oppure, con la scoperta dei continui tradimenti di Salvatore, il suo sogno d’amore si era andato ad infrangere?

– Dal canto suo, Plutone (il pianeta che simboleggia, tra le varie cose, anche la morte) viaggiava nella sua 3° casa, quella degli spostamenti: è pazzesco, se si pensa che la giovane madre è stata uccisa durante una gita!!! L’astrologia è incredibile, non finisce mai di stupirmi!

– Il transito che, più degli altri, mi fa pensare ad una possibile colpevolezza di Parolisi è il Sole di transito al DS congiunto alla Venere di Melania, sestile alla sua Luna 8° e opposto al suo Plutone 12°: se lo ascoltate, questo transito, sembra parlare! C’è un uomo (Sole Ariete) che ha una relazione sentimentale con Melania (è in 7° casa e congiunto a Venere) che per potere essere libero di frequentare la sua amante (Luna 8°) decide di eliminare Melania (il Sole oppone Plutone in 12°). Ma ovviamente è solo un’ipotesi. Potrebbe anche essere un maniaco qualsiasi che, sentendosi respinto, è arrivato ad ucciderla. O ancora, potrebbe anche essere una donna, una potenziale rivale in amore: in quei giorni, Venere transitava nei Pesci nella 5° casa di Melania e le quadrava la Luna in 8°. Molto verosimile che i ripetuti tradimenti di Salvatore con la giovane Ludovica fossero venuti alla luce più che mai in quel periodo e la situazione fosse diventata insostenibile: Melania era stanca della situazione. E, probabilmente, una possibile rivale era stanca di lei.

E Parolisi, che transiti aveva?

Il giovane caporalmaggiore aveva dei potentissimi transiti in 8° casa (quella della morte) e i pianeti coinvolti erano quelli più violenti in assoluto:

– Urano in 8° casa quadrato alla Luna 11° : la Luna, nel tema di un uomo, rappresenta la moglie, la compagna. Questo transito è quindi parlantissimo: un evento improvviso e violento ha coinvolto la sua giovane moglie e ne ha provocato la morte.

– Marte, il pianeta più violento in assoluto, si trova a transitare anch’esso in 8° casa e va a rinforzare il passaggio di Urano: insieme, bastano ed avanzano a giustificare il fatto cruento avvenuto nel bosco delle Casermette.

– Anche Giove di transito si trovava nell’8° casa di Salvatore e opponeva la sua Venere 3° nonché la sua congiunzione natale tra Marte e Plutone.

Ora bisogna vedere se l’uomo ha subìto passivamente questi transiti e la violenza che ne consegue oppure se ha introiettato tutta questa carica esplosiva e l’ha riversata contro la povera mogliettina. Che Parolisi sia una vittima o un carnefice non è compito né mio né dell’astrologia stabilirlo: in qualità di astro-detective, ho voluto solamente evidenziare gli elementi astrologici che, a posteriori, giustificano i fatti cruenti accaduti. Ovviamente, lascio ai detective – quelli veri – la formulazione della sentenza definitiva su questo caso.

Alla prossima!

Ilaria Castelli

La vostra astro-detective

 

SALVATORE PAROLISI: COLPEVOLE O INNOCENTE?

La vostra astro-detective oggi è alle prese con un altro caso molto chiacchierato:il delitto di Melania Rea. L’unico indagato in questa vicenda è il marito Salvatore Parolisi; ovviamente, non sta a me dire se sia colpevole o innocente, l’astrologia non vuole avere questa presunzione. Mi limiterò, quindi, ad esaminare i Temi Natali di Melania e Salvatore e a trarne alcune brevi riflessioni.

Salvatore Parolisi è nato sotto il segno della Vergine e ha un Sole in 1° casa congiunto a Saturno che fa di lui un uomo freddo, calcolatore, egoista, molto duro di cuore nonché incline a pensare solamente a se stesso. La scelta della carriera militare sembra calzargli a pennello, considerando la sua attitudine alla disciplina e al rigore impressa dalla medesima congiunzione Saturno/Sole in 1° casa. Inoltre, l’ascendente Leone, nonostante gli sprazzi di generosità che può elargire, contribuisce a fare di lui un individuo concentrato prevalentemente su se stesso. Che sia infedele e “tombeur de femmes” è piuttosto verosimile: il giovane caporalmaggiore presenta una potentissima congiunzione tra Marte e Plutone (i pianeti simbolo della virilità maschile) da far invidia anche a Casanova! Sicuramente, è un amante molto abile e sessualmente passionale. Inoltre, è senz’altro molto sensibile al fascino femminile e incapace di resistere alle tentazioni: la sua Luna in trigono ad Urano lo rende piuttosto opportunista e gli fa cogliere qualsiasi opportunità femminile gli si presenti. Parolisi è anche capace di mentire: il suo Mercurio Leone in 12° sestile alla diabolica congiunzione Marte/Plutone lo dimostra. Questo non vuol dire che sia lui l’assassino: comunque sia, sicuramente tace qualche scomoda verità e i duri addestramenti militari saturnini a cui è stato sottoposto lo hanno forgiato al punto che non è facile farlo crollare. Tra l’altro, il potente stellium in Bilancia, nel tema natale dell’uomo, fa di lui un soggetto molto formale e interessato a salvaguardare principalmente la forma: mi viene da sorridere a pensare che la giovane amante Ludovica l’avesse posto di fronte ad un aut aut perché prendere una decisione, per un individuo con uno stellium in Bilancia così potente, è praticamente fantascienza!!! Povero Salvatore! Eppure piagnucola sempre davanti alle telecamere: è la sua Luna Cancro che fa di lui un “frignone”. L’idea che mi sono fatta io è che, aldilà di tutto, Melania non fosse il suo tipo di donna ideale; lei era una Gemelli con Sole e Luna in Gemelli in 8° casa e Venere in Ariete: come molte delle donne assassinate che ho potuto esaminare, presenta forti elementi “marziani” nel suo tema. La casa 8° molto affollata la espone a situazioni rischiose, la Venere arietina al DS presenta lo stesso ambivalente rapporto con l’aggressività e la violenza già riscontrato in molte vittime.

La povera Melania era una donna ottimista, ingenua, buona: il Giove in 1° casa lo testimonia. Era, però, un tantino autolesionista: con lo stellium in 8° e quello, potentissimo, in 12°, le situazioni ad alto rischio e la forte propensione ad idealizzarle erano all’ordine del giorno. Con quella congiunzione tra Plutone e Saturno all’Ascendente, la giovane donna, forse inconsciamente, aveva forti tendenze autodistruttive che, evidentemente, con i transiti “sbagliati” sono esplose: si vocifera che avesse tentato perfino il suicidio perché esasperata dai continui tradimenti. Melania non era la donna giusta per Parolisi: con la sua Luna Cancro e la sua Venere in Bilancia, l’uomo forse desiderava una donna più remissiva, sottomessa e, soprattutto, più materna e accudente. Giusto per fare un po’ di sinastria di coppia tra i due, lo stellium in Bilancia di lui (con Plutone, Marte e Venere) va a finire proprio nella 12° di lei: un amore fuori dalla norma, il loro; un grosso sacrificio e una grande sofferenza per Melania. In compenso, il Sole e la Luna di lei cadono nella 10° casa di Parolisi: la bellezza della giovane donna era motivo di vanto e di sicurezza in società per un uomo formale quale sembra essere il nostro Parolisi, col suo stellium in Bilancia. Per lui, era una donna da esibire e mostrare in pubblico, un amore di facciata. Inoltre, i loro Soli in esatta quadratura ci parlano di conflitti e diversità caratteriali mentre il Marte di lei che quadra la Luna di lui è un aspetto molto negativo che ci indica che la loro era un’unione infelice, carica di aggressività e basata sul ferirsi a vicenda. Dulcis in fundo, la Venere di lei è bistrattatissima dato che riceve l’opposizione sia da Marte che da Plutone che da Venere di lui: il risultato è che la giovane donna non si sentiva di certo amata né appagata da questa relazione. E i tradimenti erano all’ordine del giorno.

Povera Melania! Si dice che l’amore sia cieco: nel suo caso, come minimo, possiamo definirlo un amore miope! Salvatore Parolisi: che sia lui o non sia lui l’assassino, in ogni caso, forse la moglie avrebbe dovuto mettersi un bel paio di occhiali …

Fine della prima puntata. Nella prossima vedremo i transiti del giorno dell’omicidio.

La vostra astro-detective

I TRANSITI DELL’OMICIDIO SCAZZI

Nella prima puntata, ho cercato di analizzare a grandi linee la personalità di Sarah Scazzi per come ci appare dalla lettura del suo Tema Natale (in particolare in relazione alla cugina Sabrina e al resto del clan Misseri) ma soprattutto ho cercato di evidenziare gli elementi che, negli ultimi tempi, hanno fatto di questa vicenda il caso mediatico per eccellenza.

Vediamo ora quali erano i transiti di quel fatidico giorno, il 26 agosto 2010, intorno alle 14.30, orario in cui si presume che Sarah sia stata assassinata. Trattandosi di un delitto e quindi di un evento violento, guardiamo innanzitutto la posizione di Marte:come abbiamo già visto, la ragazzina aveva un Marte radicale (natale) in 8° casa che già di suo ci parla di morte violenta. Quel giorno, il pianeta radicale risultava particolarmente stimolato dal sestile del Marte di transito che dalla 10° casa (immagine pubblica, autonomia) le opponeva il Sole in 4° casa (che simboleggia la famiglia) e giustifica quindi un delitto avvenuto tra le mura domestiche, teatro di un sovraccarico di aggressività che, indirettamente, ha reso così popolare la ragazzina pugliese.

Un altro pianeta cruciale sembra essere Mercurio (sia come punto ricevente che come transito celeste): il pianeta, che in astrologia rappresenta l’intelletto e le facoltà mentali ma può simboleggiare, allo stesso tempo, fratelli, zii e cugini, si trova nella 4° casa di Sarah, a sottolineare l’importanza che zii e cugini avevano nella sua vita. Quel giorno, il Mercurio della Scazzi riceveva sia la congiunzione di Giove e Urano (che puntavano quindi i riflettori sul pianeta, espandendo e dilatando all’ennesima potenza tutti i suoi simboli e significati) che la quadratura di Plutone dalla 1° casa. Ma non solo. Il Mercurio natale di Sarah riceveva anche l’opposizione perfetta di Saturno di transito a 3° Bilancia mentre il Mercurio celeste di transito dal segno della Vergine si opponeva contemporaneamente al suo Saturno radicale in 3° casa (la 3° casa rappresenta nuovamente la parentela orizzontale): era poco lucida, quel giorno, la piccola Sarah, il suo Mercurio era un po’ bistrattato. Tuttavia, il deficit di attenzione che ha avuto le è costato un po’ troppo caro! E i suoi “cari” parenti orizzontali qualche peso in questa

storia ce l’hanno di sicuro visto il sovraccarico di stimoli astrali che ricevevano.

Dulcis in fundo, Nettuno (pianeta che le idee più che chiarirle, si sa, tende a confonderle), che di nascita formava un trigono alla Luna di Sarah, ora la quadrava dalla terza casa: ancora gli adorati zii e la cugina. Impossibile che il delitto sia maturato in altro ambiente. Un bel disastro!

Come andrà a finire questa fiaba all’incontrario? Michele Misseri continuerà a raccontare frottole o si deciderà a raccontare la verità? Proviamo a formulare un’ipotesi: con Plutone (pianeta che tra le varie cose simboleggia il potere distruttivo e autodistruttivo) di transito in congiunzione al suo Ascendente, le tendenze suicide di zio Michele potrebbero scatenarsi e il pover’uomo, in preda ai sensi di colpa per aver distrutto l’intera famiglia, potrebbe verosimilmente decidere di farla finita. Oppure potrebbe essere dichiarato “non attendibile”: a quale delle molteplici versioni da lui fornite possiamo credere? A questo punto, tenendo conto che gli inquirenti non sono almeno a tutt’oggi in possesso di alcuna prova scientifica schiacciante nei confronti dell’imputata principale Sabrina (nonché della madre Cosima) ma posseggono solo le innumerevoli dichiarazioni strampalate del Misseri, la giovane donna potrebbe farla franca, benedetta dal suo Giove beneficato in 12° casa (il pianeta della fortuna nella casa delle sciagure e delle difficoltà un aiutino lo elargirà senz’altro). Che coincidenza: anche Sabrina ha lo stesso Giove in 12° che ha salvato Amanda Knox. Personalmente, propendo per questa possibilità ma è solo un’ipotesi: in alternativa, lo Zio Michele potrebbe anche decidere di uscire dalla confusione della dodicesima casa per dire finalmente la verità. Staremo a vedere! L’unica certezza, per ora, è che la piccola Sarah non c’è più…

Ilaria Castelli

La vostra astrodetective