Dal Novilunio in Vergine in poi…metti in dubbio le tue certezze, di Roberta Turci

Questa energia mi travolge. A tratti mi blocca.

Questa energia mi sostiene, perché devo andare oltre.

Oltre quello che ho imparato, quello che mi hanno raccontato, quello che mi raccontano ogni giorno, come se io non fossi io.

Volevo scrivere della Luna Nuova in Vergine del 17 settembre, fare il solito dettagliato resoconto di transiti e aspetti, e l’analisi dei gradi (25°). Chiederti di cercarli con l’aiuto del tutorial.

Ma non scorrevano le parole, non arrivava niente. Mi suonava tutto come inutile, arido, già detto.


Dovevo buttare via tutto, cancellare i dettagli, sganciarmi dal Mercurio analitico che governa il mio Nodo Sud, e lasciare parlare Nettuno, governatore del mio Nodo Nord, che insiste da un po’ sul Nodo che regge.

 

 

E poi mi sono accorta che il Novilunio in Vergine è proprio l’inizio di una nuova fase, che è nuova nei gesti, nelle scelte, nelle azioni. Quanto abbiamo parlato? Quanto abbiamo scritto? Quanto stiamo ripetendo in tanti che il vecchio mondo non può esistere più? (Leggi o rileggi questo articolo, per esempio: Eclissi Lunare in Capricorno: il bambino interiore si sveglia (ed è arrabbiato), di Roberta Turci o questo: Solstizio d’Estate ed Eclissi Solare – 2020: il secondo tempo sta per cominciare, di Roberta Turci) E allora, prepariamoci a partire per il nuovo. Con i piedi, con le gambe, con il movimento.

Basta stare fermi a guardare, a parlarne, ad analizzare.

Basta stare fermi a sperare, ad aspettare.

Non è la Luna Nuova, non è il quinconce con Marte, non è il trigono con il trio dal Capricorno.

Tutto è ciclico, e l’astrologia ce lo insegna. Dopo una Lunazione, ne arriva un’altra, e poi Giove andrà nell’Aquario, e Saturno lo seguirà, in attesa che arrivi anche Plutone. Come in una staffetta, i simboli ci indicano la strada. Ma se camminiamo, come camminiamo, quanto ci impieghiamo, dipende solo da noi.

Non ti parlerò dei pianeti, ma ti parlerò di me, di quello che vedo attorno a me, dell’intolleranza che sento, della rabbia che emerge, della paura.

Chi voglio essere?

Dove voglio essere?

Con chi voglio essere?

Solo questo, devi chiederti. Non serve sapere dove cade la lunazione, dove transita il tuo Marte. Certo, se lo sai, ti aiuta, ma non basta leggere un articolo. L’astrologia ti offre una chiave di interpretazione per la mappa della tua vita, ma poi tu devi trovare il modo di agire quei simboli, altrimenti non serve a niente.

La consapevolezza è il primo passo, poi ci vuole la volontà di cambiare le cose. La determinazione a rimanere in quello stato di coscienza. Ci vuole il coraggio di portare i principi a cui inneggi, nel tuo vivere quotidiano, in ogni scelta che fai, in ogni azione che compi.

Non ti fidare mai di chi ti dice che può fare qualcosa per te, per cambiarti le convinzioni, per sciogliere i tuoi nodi. Sei tu, con le tue azioni, con i gesti, con l’impegno e la determinazione, che puoi cambiare la tua energia, e quindi il mondo intorno a te. Non è magia, è fisica, è scienza. Già. Con buona pace di chi crede ancora che la scienza e la magia siano due cose diverse. Diciamo che la differenza la fa l’intento con cui le usi.

Chi voglio essere?

Dove voglio essere?

Con chi voglio essere?

Chieditelo, e datti il permesso di scoprire la risposta senza paura. Esci dal paradigma della causa—effetto. Esci dai modelli che ti hanno inculcato, dal recinto in cui ti hanno rinchiuso (a dir la verità, ti ci sei rinchiusa da sola!).

Ti hanno raccontato che bisogna fare i bravi, scrivere dentro le righe, dipingere dentro la cornice, studiare, prendere un pezzo di carta, finire in tempo, cercare un lavoro, fare carriera, guadagnare bene, fidanzarsi, sposarsi, fare dei figli. E possibilmente avere una casa di proprietà, possibilmente grande, col giardino. Avere una bella macchina. Meglio due, magari una moto, e un motoscafo. E fare le vacanze. E avere dei figli bravi che hanno successo come e più di te. E devi amare i tuoi genitori, perché “non si può non volere bene ai propri genitori”. E se ti sposi, devi difendere il matrimonio e la tua famiglia, almeno nell’apparenza, perché le brave persone festeggiano gli anniversari di anno in anno, e si prendono sulle spalle la responsabilità della felicità degli altri.

Non vorrai far soffrire tuo marito, o tua moglie, che sono così brave persone? E se poi fossero felici da un’altra parte, come faresti senza sentirti più necessario/a? E se poi scoprissi che si può fare a meno di te?

Non vorrai far soffrire i tuoi figli? E se poi, la sofferenza li facesse crescere, e questo li allontanasse da te, come faresti a recitare ancora la parte del bravo genitore? Come faresti, senza il ruolo che ti sei disegnato addosso?

Come faresti, se scoprissi che sei venuto al mondo per compiere un percorso evolutivo che riguarda la tua Anima? Che non puoi usare gli altri come una scusa per ignorarla? Lo sai, che sei l’unico responsabile della tua felicità?

Quanto sei TU, dentro quel recinto?

Oh, certo, sei al sicuro, lì. Col posto fisso, l’immagine sociale, la bella famiglia da ostentare e da cui farti proteggere, l’approvazione dei tuoi genitori.

Con la reputazione salva agli occhi di altri immaturi, ciechi e spaventati esseri umani che non si fanno domande.

Vivendo di grigliate, shopping, calcio e viaggi da raccontare.

Vittima del sistema.

Sempre colpa “loro”. Ma loro chi?

Sai prenderti cura di te?

Di quanti Noviluni ti ho parlato? Di quante Eclissi, di quante quadrature? E dentro di te, cos’è successo?

Guardati indietro. Sei la stessa persona?

Sei ancora attaccata/o alle tue certezze di sempre?

Cos’hai messo in discussione? Su cosa hai cambiato idea?

Credi ancora a quello che ti hanno insegnato i tuoi genitori? Ragioni ancora come loro ti hanno portato a ragionare? Quanto hai cambiato prospettiva? Quanto sei andato dentro di te, a vedere cosa c’è?

Abbi l’umiltà di mettere in discussione tutto quello in cui hai creduto fino ad oggi!

Ti sei affidato/a a un sistema di valori che non è tuo! E lo hai fatto, perché hai sempre avuto paura di non essere amato dai tuoi genitori!

Ma i genitori sono solo la proiezione sul piano fisico dei due archetipi di maschile e femminile già presenti dentro di te. Raggiungili, e benedici quelle immagini. Diventa genitore di te stesso, e prenditi cura del tuo bambino interiore. Così non avrai più bisogno dell’approvazione di nessuno, e potrai finalmente essere ciò che sei!

Lo sai, che è l’inconscio che ti pilota?

Lo sai, che devi FARE qualcosa di diverso, che devi cambiare itinerario, se vuoi arrivare dove non sei mai arrivato?

Puoi continuare a ripeterti tutte le storielle che vuoi, a narrarti il mito dell’eroe incompreso, della vittima designata, del martire. Davvero. Se vuoi, puoi continuare. E non cambierà mai niente.

Sarai infelice, insoddisfatto, arrabbiato. E ti sentirai vittima di un destino ingiusto.

Non credere: anch’io sono arrabbiata, in questi giorni.

Per una telefonata a cui non ho risposto dieci anni fa.

Per una scelta che ancora non ho avuto il coraggio di fare.

Per i limiti che non ho ancora superato.

Sono arrabbiata con chi fa rumore e mi distrae, con chi non mi ha mai portato al mare, con chi mi sommerge di parole inutili.

Con i medici che curano solo con la chimica, e che non sanno ascoltare.

Con chi cerca di spaventarmi.

Ma lo so, si tratta sempre di me.

Marte retrogrado ci sta guidando al cospetto del nostro fuoco interiore. Ci sentiremo in colpa, impotenti, incapaci. Può accadere. Ma deve essere solo una spinta verso il vero obiettivo della nostra anima.

Non c’è nessun colpevole, là fuori. Si tratta sempre di te. E non sei colpevole nemmeno tu. Hai fatto quello che hai potuto, con gli strumenti che ti hanno dato e che hai saputo usare finora. Adesso, però, alzati, e inizia a vivere la tua vita! Sceglila tu, la direzione!

Possiamo scegliere. Sempre!

Ecco, adesso per esempio, ho scelto di lasciare andare le dita sulla tastiera, con una musica sacra che mi avvolge. Ho scelto di non dare spiegazioni tecniche, di non parlare di segni zodiacali, di non darti l’impressione che tutto dipenda da come si muovono i pianeti.

Dipende da te, da me.

Fuori, tutto sta cambiando. Ci sarà chi scenderà in piazza, e chi farà la rivoluzione a casa propria, chi in silenzio, chi gridando. Ognuno ha il proprio modo, e il proprio tempo.

Non è ancora il momento dei gesti eclatanti, delle rotture insanabili, dei viaggi senza ritorno. Sono le piccole cose, che cambiano. Piccole abitudini. Possono sembrare irrilevanti, ma non lo sono affatto. Ti cambiano l’energia. Ti cambiano la vibrazione.

Comincia col cambiare le parole che usi, il percorso per andare al lavoro, i colori che indossi e con cui vesti la tua casa, il bar dove vai a fare colazione. Impara a fare una colazione più sana, a concederti mezz’ora in più la mattina per celebrare l’inizio della giornata. Impara a respirare profondamente, ascolta una musica nuova, vai in un luogo che non conosci. Cambia il colore dei capelli, il posto dove parcheggi l’auto la mattina, l’orario della pausa caffè. Scegli bene le persone con cui passi il tuo tempo, allontanati da chi ha una voce che stride, da chi sbaglia tono, da chi usa troppe parole inutili, da chi non sa chi sei.

Stai in mezzo alla natura, cambia profumo, ascolta il tuo corpo, fidati dei suoi messaggi. Non affrettarti a spegnere i sintomi con la chimica. Cerca una strada nuova.

Io ci provo, ogni giorno. A volte ci riesco, a volte no. Almeno, cerco di non raccontarmela.

C’è un nuovo paradigma da costruire. Lo facciamo insieme?

Il Novilunio è sempre un inizio. Oggi, siamo tutti bambini davanti all’alba di un nuovo mondo. E con gli occhi curiosi dei bambini, con tutti i sogni ancora intatti, con tutta la forza di chi crede che niente sia impossibile, lasciamoci sorprendere.  Anche da noi stessi, da quello di cui siamo capaci.

Inizia il tuo viaggio, l’unico veramente indispensabile, quello che ti conduce da te.

Con amore,

Roberta

P.S. Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, la tua psiche profonda, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling e del Coaching immaginale che utilizzo per fare anima (astrologia evolutiva, psicogenealogia e costellazioni familiari, regressioni e progressioni evocative, carte dei Nat), scrivimi: roberta.turci@gmail.com 

 

A Ezio Bosso. Grazie, Maestro!, di Roberta Turci

Diapositiva1

Quando guardo la carta astrale di qualcuno, lo faccio sempre in punta di piedi. So di camminare dentro l’anima di una persona, e chino la testa con gratitudine e rispetto. Di fronte al tema natale di Ezio Bosso, mi sono fatta piccola piccola, inchinata davanti a un’anima luminosa e coraggiosa, così straordinaria da non poter reggere il peso della densità della materia. Ma l’anima non sceglie mai un compito troppo arduo per la personalità che indossa.

Ezio Bosso è nato a Torino il 13 settembre 1971 alle 20, Vergine con l’ascendente nel segno di Nettuno e della musica, i Pesci, per di più all’ultimo grado dello Zodiaco, un grado critico che amplifica la simbologia a cui è associato, la fine di un ciclo, la destinazione più elevata.

Nel segno dei Pesci si trova la dodicesima stanza, che è il titolo di uno dei suoi album. Le dodici stanze sono le dodici dimore dell’anima, le dodici case astrologiche. La dodicesima è dove le anime si fondono con l’anima del mondo. 

Giove e Nettuno, il vecchio e il nuovo governatore del segno dei Pesci, sono perfettamente congiunti a 0° del Sagittario, altro grado critico, segno della conoscenza superiore, della filosofia, dei viaggi lunghi, che rappresentano il sentiero per giungere alla Verità. Sono i simboli della sua instancabile ricerca interiore, e della completa fusione con il linguaggio dell’Anima, la Musica.

Nel suo tema, uno stellium in Vergine, in VI casa, il settore della salute e del lavoro. Sappiamo che in sesta casa si trova il karma organico, ovvero il ruolo del corpo nel processo di evoluzione dell’individuo. Ho approfondito questo tema nell’articolo dedicato alla malattia e al karma. (lo trovi qui). Ma soprattutto, in questa doppia enfasi (l’ascendente all’ultimo grado dei Pesci, o anche ai primi gradi dell’Ariete, fa sì che ogni segno si trovi nella casa co-significante) leggiamo la determinazione dell’anima di scendere nella materia per mettersi al servizio. 

A livello della personalità, l’individuo del segno della Vergine si preoccupa della propria sopravvivenza, e accumula in modo indiscriminato risorse materiali, per garantirsi sicurezze e riempire un vuoto che non riconosce. L’attenzione eccessiva ai dettagli, l’attaccamento alla forma, e il bisogno di perfezione, sono le difese con cui cerca di non mostrare agli altri e a se stesso il vuoto che ha nel cuore. Anche l’intimità fisica viene vissuta in modo indiscriminato, a un livello, per così dire, elementare, per illudersi di sfuggire al vuoto emotivo.

Nel tema del maestro, Lilith, che rappresenta la paura più grande, si trova proprio nel segno e nel settore delle relazioni (Bilancia e VII casa), congiunta a Urano. Lilith in Bilancia può indicare la paura della solitudine e il bisogno compulsivo di stare in una relazione, ma anche il suo opposto, cioè l’incapacità di legarsi in modo convenzionale, e la congiunzione con Urano, così come la quadratura alla Luna in Cancro, confermerebbero la difficoltà di lasciarsi andare all’intimità di un rapporto stabile, difficoltà sicuramente amplificata dagli oggettivi limiti che la malattia gli ha imposto.

L’Anima sceglie, e quello che ci viene negato non è mai sottratto per procurarci danno. Il nostro compito è trasformare il dolore e la mancanza, in opportunità, come il maestro ha spesso sottolineato. A volte crediamo di desiderare qualcosa che non riusciamo a ottenere, ma la verità è che la vita ha in serbo per noi molto altro, e se realizzassimo quello che crediamo di desiderare, non potremmo dedicarci alla missione dell’Anima.

Secondo l’astropsicogenealogia, la Luna in IV casa, settore della storia famigliare, per di più in Cancro, indica un attaccamento fortissimo al passato, uno schema innato e istintivo dal quale è difficile prendere le distanze, ereditato energeticamente dalla madre. Eppure, la sua Luna fa un aspetto di quinconce con Marte, ad indicare la necessità di prendere le distanze dall’impronta lasciata dalla figura materna per conquistarsi il proprio spazio, e affermare la propria volontà. Marte è infatti l’ottava inferiore di Plutone (che rappresenta l’anima), e indica le modalità con cui la personalità decide di accordarsi sul piano materiale alla volontà del Sé superiore. Marte, tra l’altro, è congiunto al Nodo Nord, la destinazione del percorso animico, e gioca quindi un ruolo fondamentale nel processo evolutivo. Marte in Aquario rappresenta la forza di volontà e la determinazione a diffondere e condividere principi non convenzionali, al servizio del cambiamento e dell’evoluzione della collettività. 

La quadratura Luna-Urano indica inoltre il conflitto intimità-libertà, che è il primo passo verso l’affermazione di un nuovo modello relazionale, caratterizzato dall’interdipendenza, ma pur sempre indice di una difficoltà nel trovare la giusta distanza dall’altro, una distanza che in parte Ezio Bosso ha colmato con la musica. Lui stesso ha detto:

L’amore è essere amanti, leggeri. Non è possedere.

Amore è una parola abusata. Nel nome dell’amore si fanno tante cose terribili. 

mettendo in discussione un modello di coppia che spesso tutela l’apparenza a discapito dell’autenticità e della libera crescita degli individui, principi di base dell’amore incondizionato.

astro_2at_ezio_bosso_ho.41487.15592

Il Sole in Vergine in VI casa, indica che deve essere data particolare attenzione al corpo, poiché nella vita passata potrebbe essere stato abusato o usato nel modo sbagliato. Inoltre, il Sole è collegato al cuore e a vecchie dinamiche emozionali come l’impazienza, l’arroganza e l’orgoglio. All’Anima viene offerta la possibilità di trasformare queste energie in amore, gentilezza e compassione, qualità che di certo non gli mancavano.

Quando l’individuo della Vergine inizia un percorso di risveglio spirituale, impara ad accogliere completamente le esperienze fatte nella materia, nel suo benedetto corpo umano, trasformando anche il dolore in risorsa e mettendosi al servizio dell’umanità. A quel punto, non è più vittima della forma, ma ne diventa co-creatore, e dal fare scelte senza capacità di discriminare, arriva fino all’inclusione. Non si preoccupa più per sé e per la propria sicurezza, ma è focalizzato sul bene di tutti.

La musica è inclusiva, diceva il maestro. Ti costringe ad ascoltare te stesso e gli altri, perché anche l’ultimo è fondamentale.

In Vergine, ci sono anche i pianeti personali Mercurio e Venere, e Plutone, congiunto al Discendente, il punto che rappresenta “l’altro da te”. In chiave evolutiva, Plutone in Vergine in sesta casa indica la presenza di un senso di colpa o vergogna legato a memorie antiche, di altre vite, o della storia famigliare, che spingono l’individuo a perfezionarsi, e a purificarsi per riscattare se stesso e la sua genìa. La malattia è spesso una manifestazione del senso di colpa, in particolare la malattia autoimmune (l’individuo attacca se stesso perché si disprezza), ma è soprattutto uno strumento di crescita, se la persona sa accoglierla e ascoltarla.

Altre fonti indicano l’ora di nascita qualche minuto prima. Personalmente, ritengo che abbia molto più senso collocare Plutone in VI casa.

Plutone in VI, unito agli altri pianeti dello stellium, parla soprattutto di dissoluzione delle vecchie barriere emotive e mentali e di connessione col Divino, così che il vuoto percepito può essere colmato con la consapevolezza di non essere soli, ma anzi di essere protetti e guidati. Quando l’individuo comprende questo nel profondo del suo cuore, perdona se stesso e gli altri, manifestando una pura e sincera umiltà e mettendosi al servizio dell’umanità intera, anche attraverso la propria professione.

Anche i Nodi Lunari nei segni Leone/Aquario e nelle case V/XI, indicano che il suo compito evolutivo era staccarsi dal bisogno di essere applaudito, per mettersi completamente al servizio dell’umanità. Il segno del Leone, dove c’è il Nodo Sud, ovvero il passato, ha la creatività, la leggerezza, la generosità, ma anche il bisogno di protagonismo e di celebrazione. Vuole gli applausi per sé.

Ma lui aveva compreso che:

L’uomo che vuole dirigere un’orchestra deve saper girare le spalle alla folla.

Gli applausi non erano per lui, ma per la musica, diceva sempre.

Il segno dell’Aquario, dove si trova il Nodo Nord, archetipo in progressiva affermazione in questi nostri tempi stra-ordinari, è legato alla collettività, alla condivisione di idee non convenzionali, alla capacità di riconoscere talenti e risorse negli altri, all’equanimità, alla partecipazione e alla cooperazione per il bene di tutti.

Il viaggio dal Leone all’Aquario è tutto in queste sue parole:

L’orchestra è la società ideale. Non studiamo per essere i migliori, ma per migliorarci. Quando io miglioro me stesso, anche il mio compagno suona meglio, e il suo suonare meglio spinge me a suonare meglio.

Un circolo virtuoso, che parte dal singolo e arriva dappertutto.

Ha iniziato a solfeggiare e suonare prima di imparare a scrivere. Ezio bambino era più felice quando c’era la musica. La musica l’ha scelto perché ne aveva bisogno più degli altri, diceva.

Le cose succedono sempre perché la vita ti manda degli aiuti, anche se tu non lo sai. 

La passione per la musica non gli ha tolto il dolore. Ma gli ha tolto la paura.

Sto scrivendo mentre ascolto la sua musica, anche se lui non voleva che si dicesse così, perché la musica non è di nessuno ed è di tutti. La musica è libera, perché libera e migliora.

“La musica è emozione, e l’emozione deve muovere dentro, per andare oltre, anche se fa ridere detto da me che non mi muovo”, diceva, ironizzando sulla sua immobilità fisica, come spesso faceva. Ma la musica muove l’anima, e poco importa se il corpo non la segue. La vera emozione è muovere dal passato per andare avanti e migliorarsi.

La malattia è stata un dono, un’opportunità. La malattia mi ha permesso di scoprire altre cose, di conoscere di più, di vivere fino in fondo. Di voler bene quando il bene mi ha chiamato. Di sentirmi libero. 

La musica insegna che “dall’ultimo dei violini al primo degli oboi dà il contributo all’unica grande meraviglia, che è la vita.” Se ci metti passione, metti vita nei tuoi giorni, e dai un senso a ogni cosa, anche la più difficile e dolorosa. La tua anima sa chi sei, e ti guida, se l’ascolti.

Quante cose ci ha mostrato, attraverso il sacrificio e la sofferenza, ma soprattutto con amore e per amore della vita! E noi qui a lamentarci, a fare le vittime, a pretendere che “tutto vada bene”. Non nasciamo per vivere una vita senza problemi, ma per imparare a trasformare ostacoli e limiti in opportunità. Per diventare migliori.

Grazie, Maestro, per ogni tua nota, e per i silenzi. Le tue magie vibreranno per sempre.

Non esiste l’ultima nota. Come non esiste la fine: è solo una forma di un nuovo inizio. 

Buon nuovo inizio, ovunque tu sia.

Roberta