Novilunio in Pesci: la resa davanti al Mistero, di Roberta Turci

Marzo è arrivato, e come ogni anno si veste di speranze e di promesse. Persino in questi tempi complicati, la Natura non si arresta e si rivela: è un miracolo che si rinnova da cui dovremmo attingere e imparare.

imagesL’aria si fa più frizzante e leggera, come ha annunciato l’ingresso di Marte in Gemelli: il guerriero dello Zodiaco finalmente dialoga armoniosamente con Saturno e ci concede qualche grado di libertà in più. C’è voglia di esprimere, di condividere, di fare, di andare. Ma tutto è ancora da scoprire. Mancano i riferimenti: quello che stiamo lasciando alle spalle non funziona più. E quello che abbiamo davanti, ancora non si vede. Abbiamo una sola certezza: tutto deve cambiare, e noi per primi.

Non avere paura di questo vuoto è impossibile, ma abbiamo sempre una scelta, magari proprio quella che non avevamo mai considerato. Possiamo sempre cambiare idea, rivedere un preconcetto, modificare un percorso. Bisogna avere il coraggio di ascoltarsi, accorgersi di ciò che sentiamo veramente, e muovere un passo dopo l’altro senza farsi condizionare da nessuno.

Trovi un video dedicato a Marte in Gemelli, dove rimarrà fino al 23 aprile, sul mio canale YouTube: Marte in Gemelli: c’è sempre un’altra scelta. Se non ti sei ancora iscritto/a al mio canale, ti invito a farlo cliccando qui: ISCRIVITI. Grazie!

In questo clima di incertezza e di rinascita, arriva un Novilunio meraviglioso: alle ore 11:21 di sabato 13 marzo Sole e Luna si congiungono a 23° dei Pesci, con Venere e Nettuno rispettivamente a 19° e 20° del segno. Guarda dove cadono i 23° dei Pesci nel tuo tema natale, e pianta un seme in quel settore della vita. Aiutati con questo tutorial.

I Pesci sono connessi con l’infinito, trascendono la realtà materiale, appartengono al Tutto. Presta attenzione ai tuoi sogni, stai in mezzo alla Natura, guarda negli occhi il tuo gatto, o il tuo cane. Abbraccia i tuoi figli, osserva i bambini. Sono giorni speciali, di grande connessione con il senso più profondo e imperscrutabile dell’esistenza.

C’è un’energia magica nel cielo, mistica, ispirata. Venere e Nettuno sono due espressioni dell’Amore, quello terreno e quello incondizionato, e si abbracciano nel segno governato dallo stesso Nettuno, accordandosi quindi con frequenze elevate, che invitano all’apertura del cuore. Connettiti con quello che desideri veramente, ascolta il battito, fermati nel respiro: lì c’è tutto quello che ti serve sapere per prendere la tua direzione. Hai una grande opportunità, ora: puoi innamorarti della vita!

So bene che è difficile fare scelte inconsuete, che tradiscono il sistema di valori che hai ereditato dalle generazioni che ti hanno preceduto.

So bene che preferisci avere il controllo della situazione, conservare il tuo ruolo, il tuo posto nel mondo, definito, riconosciuto, codificato.

Ma è solo un’illusione. Non possiamo avere controllo su niente. Non c’è un obiettivo da raggiungere. Non c’è una destinazione migliore di un’altra. Il risultato è il processo stesso, è nel percorso. 

Ti hanno raccontato che bisogna vivere in coppia, che è buona cosa tenere in piedi una relazione per tutta la vita. Ma l’anima non conta gli anni. Perciò non chiederti se è la persona giusta, se ti puoi fidare, se durerà. Non ragionare, non interpretare, non giudicare. Sono cose da vecchio paradigma. Nel nuovo mondo, le anime si incontrano perché la relazione è il mezzo attraverso il quale si arriva da sé stessi. Ogni incontro è un processo alchemico, di trasformazione. A tal proposito, questo video sull’Alchimia delle Relazioni potrebbe interessarti.

Ti hanno raccontato che bisogna avere un lavoro sicuro, ben remunerato, rispettabile. E hanno deciso “loro” cosa rende un lavoro rispettabile, senza tenere conto di chi sei tu, di quello che sai fare, di quello che ami fare. Ma nel nuovo mondo, le anime non sono interessate ai titoli accademici, non sacrificano la creatività per la sicurezza, non ambiscono al potere. Vogliono essere accese, vibranti, e si mettono al servizio di una comunità.

Ti hanno raccontato cose che per te sono diventate riferimenti imprescindibili. E troppe volte hai sentito dire che in passato tutto funzionava meglio perché le persone avevano valori che oggi si sono persi. Ma siamo sicuri che siano valori da difendere e conservare? Che il passato sia davvero la parte migliore?

Sappi che ogni situazione, ogni evento, ogni persona che arriva nella tua vita per destabilizzarti, ti sta insegnando che non è più quel tempo.  Non cercare di fermare il processo. Più fai resistenza, più soffrirai.

Smetti di lottare, smetti di voler vincere per avere conferme, per raggiungere un risultato, che spesso non è nemmeno quello che vuoi davvero.

Arrenditi al Mistero. Arrenditi al fatto che non sempre si comprende perché accadono certe cose. Un giorno sarà chiaro, ma non adesso. Oggi possiamo solo imparare a fidarci e ad affidarci.

Lascia andare i dogmi, le credenze, le ideologie, i guru.

Stacca le etichette. Esci dalle relazioni tossiche. Ripulisci le stanze, fuori e dentro di te. Perdonati e ricomincia.

Tu non sai cosa è meglio per te, questa è la verità. Tu non sai niente. Io non so niente.

Non dipende da te. E non dipende da me.

Accade perché deve accadere.

Questa è la resa, che è tutto il contrario della rassegnazione.

Chi si rassegna, muore. Si racconta la favola della persona dal cuore d’oro che si sacrifica per tutti. Si cala nel ruolo della vittima, e accetta di non scegliere più niente.

Chi si arrende, accetta ciò che è, e si mette in cammino, ascoltandosi. Sa che c’è sempre una scelta, che si può rifare, in altro modo, che si può cambiare. Lascia andare certezze e attaccamenti e si dà un’altra possibilità, con quello che ha, con quello che c’è. E un passo dopo l’altro, scoprirà il senso del copione che si svela.

Non c’è nessuno, fuori da noi, che sa qual è la nostra strada. Il maestro è dentro. Fai silenzio e ascolta.

L’ego deve dissolversi, un respiro alla volta. Ascolta, respira. E poi ascolta ancora.

So che non è facile, che la mente cercherà sempre di fermarti, che dall’inconscio si liberano voci che fanno di tutto per boicottarti, ma se continui a camminare, se non ti rassegni, ma ti lasci portare, il processo non si arresterà.

In fondo, è questo l’Amore.

Roberta

Se vuoi comprendere il cammino che la tua anima ha scelto, se ti serve una guida per scendere nel regno di Ade, la tua psiche profonda, e desideri conoscere gli strumenti del Counseling immaginale che utilizzo per fare anima (astrologia evolutiva, psicogenealogia e costellazioni familiari, regressioni e progressioni evocative, carte dei Nat), scrivimi: roberta.turci@gmail.com 

23 febbraio 2020 – Luna Nuova in Pesci: diventa sognatore del tuo sogno!, di Roberta Turci

IMG_1273L’altra sera, improvvisamente, mi è venuta voglia di estrarre la chitarra dal fodero, dove riposava da non so nemmeno più quanti anni. E mi sono messa ad accordarla, sicura di non riuscirci, e al massimo far saltare qualche corda.

Invece, con mia grande sorpresa, appena l’ho avuta tra le mani, è stato automatico mettere le dita nei punti giusti, e ricercare “quel” suono, e poi quella sequenza di suoni che la mia memoria aveva custodito chissà come e chissà dove. Un giro di DO, qualche arpeggio, e poi qualche accordo, così, per gioco.

Avevo dieci anni quando me l’hanno regalata: una delle cose che ho desiderato di più nella vita! Mi ricordo ancora quando, dalla finestra, ho spiato mio padre salire dal garage con quello strano pacco in mano, poco prima che mi chiudessero in cucina per non vederlo mentre la nascondeva.

E mi ricordo il batticuore e il tremore nelle mani, il giorno del saggio. Più o meno quello che mi accade ancora oggi quando canto davanti a un pubblico!

È incredibile come tutto quello che impariamo da bambini, rimanga impresso dentro di noi in modo indelebile. Nel bene e nel male.

I solchi della memoria a volte contengono talenti, emozioni e ricordi teneri da conservare, a volte devono essere cancellati e riscritti. 

In questo tuffo nel passato, c’è lo zampino di Mercurio retrogrado in Pesci. Un Mercurio nettuniano, essendo Nettuno il signore dei Pesci, il dio del mare, archetipo delle emozioni profonde custodite nell’inconscio collettivo, ma anche plutoniano, dato che quando si muove apparentemente di moto retrogrado, Mercurio diventa psicopompo, colui che accompagnava vivi e morti nel regno di Ade, e aveva facoltà, lui solo, di ritornare nel mondo visibile.

D’altronde, Nettuno e Plutone nel mito sono fratelli, e sono quindi due facce della stessa medaglia. Che si scenda nelle profondità dell’oceano o nell’oscurità del ventre della Terra, il viaggio ha lo stesso obiettivo: toccare le corde dell’anima e accordarle, affinché suoni la propria personale musica interiore. 

Mercurio ha iniziato il moto retrogrado lo scorso 17 febbraio, e riprenderà il moto diretto il 10 marzo, non prima di aver sconfinato in Aquario. Rientrerà in Pesci il 16 marzo e uscirà dalla zona d’ombra della retrogradazione il 30 marzo. E questo è il primo indizio per dire che tutto il mese di marzo avrà un’energia molto particolare, rallentata, ovattata, ma intensa e trasformatrice. 

Secondo indizio: il 16 febbraio Marte è entrato nel Capricorno, dove rimarrà fino al 30 marzo, ed è l’ultimo pianeta ad attivare il Nodo Sud nel segno, quel serbatoio di memorie antiche, per non dire ancestrali, che parlano di patriarcato, potere dell’intelletto e del denaro, manipolazione e ambizione smodata (ho approfondito il significato dell’enfasi nel Capricorno qui, e qui). L’intento del pianeta rosso, dio della lotta, braccio di Plutone, è tagliare definitivamente col passato per costruire una nuova realtà.

E mentre sullo sfondo si schierano gli alleati, ecco l’ultimo novilunio dell’anno astrologico: domenica 23 febbraio alle 16:32, Sole e Luna si congiungono a 4°28′ dell’ultimo segno dello Zodiaco, a indicare l’inizio (è una Luna Nuova!) della fine di un ciclo.

Nello stesso momento, come abbiamo visto, Mercurio, il pianeta associato al pensiero logico-razionale, e alla comunicazione, si muove di moto retrogrado nei Pesci, dove si trova Nettuno, padrone di casa. Acqua!

E Marte, congiunto al Nodo Sud, fa un energizzante aspetto di trigono con Urano in Toro, l’outsider, il ribelle, colui che sovverte l’ordine per portarne uno nuovo (ne ho parlato qui), aggiungendosi a Giove, Saturno e Plutone in Capricorno. Terra!

Acqua e Terra, due elementi affini, indispensabili l’uno per l’altro, se si vuole costruire qualcosa di stabile e duraturo. Purché nelle giuste proporzioni.

Non c’è Aria, non c’è pensiero razionale, nel tema di questo Novilunio. La comunicazione, così come siamo abituati a intenderla, si fa difficile, densa.

E c’è poco fuoco, seppure affidato a Venere, che fa un delicato aspetto di quadratura con Giove e i titani, in Capricorno, e a Lilith e Chirone, che quadrano Marte. Paure e ferite chiedono di essere affrontate e guarite una volta per tutte. Dobbiamo liberarci dai vincoli e dagli ostacoli che ci hanno impedito finora di essere protagonisti della nostra vita, padroni e creatori del nostro destino, sognatori del nostro sogno. Il viaggio nel profondo, sia esso mare di emozioni, o regno delle ombre, serve a questo: cancellare i solchi della memoria che ci fanno vivere come dischi rotti, incantati, che ripetono continuamente lo stesso suono distorto, senza nemmeno sapere il perché. 

Quei solchi non sono accessibili alla mente razionale. Possono essere riconosciuti, cancellati, e poi riscritti, solo uscendo dal paradigma materialistico, attivando l’emisfero destro, l’intuito, l’immaginazione, la creatività. L’unica comunicazione possibile è quella che usa il linguaggio del cuore, che esce dalle logiche della giustizia sociale, che si libera dai condizionamenti ricevuti in famiglia e a scuola, rinforzati ogni giorno dalle manipolazioni dei media, strumenti in mano al potere politico ed economico.

Quando a fine giugno, Marte entrerà nel segno dell’Ariete, comincerà un nuovo ciclo, che metterà a dura prova tutto il sistema su cui si è basata la società in cui viviamo, a partire dalla famiglia, archetipo che va ridefinito, come indicano le Eclissi sull’asse Cancro/Capricorno. Trovi gli articoli qui e qui.

La destinazione del viaggio, per ogni anima che sceglie di incarnarsi sulla Terra, è il ritorno all’Uno, al Divino, è cioè il matrimonio mistico, l’integrazione del maschile e del femminile, ovvero della parte logica e razionale, con quella intuitiva, creativa ed emozionale. Il patriarcato ha cercato di privarci del lato femminile, educandoci ad attivare l’emisfero sinistro e a dimenticare le facoltà di quello destro. Ci hanno fatto crescere con il senso del dovere e alimentando i sensi di colpa, offrendoci modelli aridi e sterili, per tenerci prigionieri delle paure e renderci manipolabili.

Adesso, è arrivato il Tempo di risvegliarsi, di riattivare l’emisfero destro, stando in silenzio e a contatto con la natura, meditando, ascoltando musica, disegnando, sognando, ascoltando se stessi e gli altri con compassione, agendo per il bene di tutti, e non per il proprio esclusivo vantaggio. 

Tutti si lamentano, e invocano un mondo nuovo. Ma il nuovo mondo si costruisce partendo da sé, con consapevolezza e attenzione. E smettendo di raccontarsela.

Potrà sembrarti che le cose vadano sempre peggio, ma era tutto previsto. L’uomo, se non è esasperato, se non arriva al limite, se non è pesantemente minacciato nelle sue sicurezze materiali, e devastato dalla sofferenza, non si sveglia. Sta accadendo proprio questo: siamo spinti al limite, all’esasperazione, perché sempre più persone aprano gli occhi, e si accorgano degli inganni costruiti ad arte per tenerci in ostaggio delle nostre paure. 

Ma non ti illudere. Non tutti si sveglieranno. Non accadrà per magia. Si sveglierà chi deciderà di farlo, e contribuirà al cambiamento solo chi metterà coraggio e forza nel fare il proprio viaggio. Fai del tuo meglio per alzare la frequenza, e mantenerla alta anche quando ti sembrerà impossibile riuscirci. Come diapason, possiamo aiutarci a vicenda per accordarci e intonarci, e, insieme, cambiare davvero la musica!

Come a ogni Novilunio, ti suggerisco di guardare in quale casa del tuo tema natale si trovano i 4° dei Pesci, e se sono coinvolti pianeti o angoli del cielo. Aiutati con questo tutorial. Ancora una volta, sono maggiormente interessati dai transiti e dalle configurazioni celesti, i segni cardinali, ma sono sollecitati anche i segni mobili, soprattutto Gemelli, Vergine, Sagittario e Pesci della prima decade. E comunque ti ricordo che una valutazione seria ed esaustiva può essere fatta solo analizzando l’intera carta natale. Se ti interessa conoscere l’intento evolutivo della tua anima e il significato che i transiti di questo periodo possono avere per te, scrivimi per una consulenza personalizzata e per conoscere gli strumenti che utilizzo nel mio lavoro di Counselor per aiutarti ad attivare l’emisfero destro e fare il viaggio nell’invisibile: roberta.turci@gmail.com.

Un abbraccio dal cuore,

Roberta